Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
home iconChiesa
line break icon

Il primo corpo incorrotto nella storia della Chiesa

padre Paulo Ricardo - pubblicato il 06/12/18

Nell’822, durante il periodo di restaurazione della chiesa dedicata alla sua memoria, Papa Pasquale I volle trasferire i resti della santa in un posto d’onore nella sua cattedrale, ma non riusciva a localizzarne il tumulo. La santa gli apparve in una visione straordinaria mentre lui pregava, e gli disse dove si trovava il suo corpo. La reliquia venne trovata esattamente nel luogo indicato. Il Papa allora collocò il corpo, insieme alle ossa del marito, del cognato e del martire Massimo, subito sotto l’altare del tempio.

Attraverso un mantello di seta che copriva modestamente il suo corpo, si potevano vedere il vestito dorato della santa, la ferita mortale al collo e gli abiti macchiati di sangue. 777 anni dopo, nel 1599, si verificò una delle più documentate riesumazioni del corpo di un santo quando il cardinale Paolo Emilio Sfondrati, amico di San Filippo Neri, ordinò il restauro di alcune parti della basilica. Il 20 ottobre di quell’anno, mentre si lavorava sotto e vicino all’altar maggiore, furono scoperti due sarcofagi di marmo bianco, corrispondenti alla descrizione lasciata da Pasquale I delle urne che contenevano le reliquie dei santi martiri.

Il cardinale ordinò di aprire il sarcofago alla presenza di testimoni di integrità indiscutibile. Dopo la rimozione della copertura di marmo venne trovata la bara originale di cipresso in ottimo stato di conservazione. Il porporato, comprensibilmente emozionato, sollevò il coperchio, portando alla luce il tesoro custodito dai Papi Urbano e Pasquale. I resti mortali vennero trovati nella stessa posizione in cui la santa era morta quasi 1.500 anni prima.

Papa Clemente VIII venne informato immediatamente della scoperta e inviò il cardinal Baronio per esaminare il caso insieme ad Antonio Bosio, esploratore delle catacombe di Roma, e ci hanno lasciato documenti inestimabili descrivendo quella riesumazione.

Guardando attraverso il mantello che copriva il suo corpo, notarono che Cecilia era di piccola statura e che aveva la testa rivolta verso il basso, ma per via di una “santa reverenza” non fecero altri esami. Bosio registrò la sua opinione secondo la quale la santa era stata trovata nella stessa posizione in cui era spirata [1].

Il cardinal Sfondrato volle custodire come memoriale di quell’evento toccante un pezzo di tessuto coperto di sangue, e distribuì piccole reliquie a vari cardinali a Roma. Dopo aver ispezionato l’ultimo pezzo, che aveva riservato per sé, il porporato scoprì però attaccato al tessuto un piccolo frammento di osso della santa, staccato dalla spada e che un cristiano delle origini aveva preso. Sfondrato preservò quella reliquia come un tesoro inestimabile e la collocò accanto ai teschi di San Valeriano, San Tiburzio e San Massimo, in reliquiari separati [2].

Il cardinale volle anche trattenere un pezzetto del vestito della santa, e mentre lo teneva in mano sentì sotto gli abiti della vergine le corde e i nodi di una camicia che probabilmente usava come cilicio [3].

L’urna della santa fu collocata in una sala situata nella parte superiore della navata della basilica, dove poteva essere vista attraverso una finestra con delle grate. La piattaforma e l’urna vennero coperte con tende di seta dorata, e la sala venne splendidamente decorata con candelabri, lampade e fiori d’oro e d’argento. Il santuario venne poi inondato da un misterioso e gradevole profumo di rose che proveniva dalla bara [4].

Per ordine di Papa Clemente VIII, la reliquia venne lasciata esposta lì fino alla festa di Santa Cecilia, il 22 novembre, e la folla di fedeli romani che accorsero alla basilica fu così consistente che venne chiamata la Guardia Svizzera per mantenere l’ordine [5].

Dopo un mese di esposizione, la reliquia, che riposava ancora nella vecchia bara di cipresso, fu collocata in una nuova d’argento, commissionata dal Papa stesso come simbolo della sua venerazione per la santa martire. Alla presenza di 42 cardinali e rappresentanti diplomatici di vari Paesi, il Papa celebrò una Messa solenne durante la quale il corpo della santa venne nuovamente deposto sotto l’altare principale.

Uno scultore dall’insolito talento, Stefano Maderno (1576-1636), impegnato a svolgere il suo lavoro durante il restauro della basilica, scolpì un’immagine della santa, ritenuta una delle opere d’arte più note e apprezzate d’Italia. Si crede che Maderno abbia rappresentato la santa nella posizione esatta in cui rimase il suo corpo incorrotto. Quella statua venne trovata di fronte all’altar maggiore in una nicchia di marmo nero, progettato dall’artista per dare l’impressione di un sarcofago aperto. Facendo questo, Maderno introdusse un nuovo design di altare, in seguito imitato spesso [6].

Si crede che la basilica di Santa Cecilia sia stata costruita sul luogo in cui si trovava la casa della sua famiglia. La seconda cappella, nella navata laterale a destra, è chiamata caldario (caldarium, in latino), ed è la stanza in cui la santa venne condannata a morte. Lì si trovano i resti di un’antica vasca da bagno romana; i condotti, che contenevano l’acqua scaldata, sono conservati. Il pezzo di marmo sull’altare è quello su cui si crede che Cecilia sia sopravvissuta al primo martirio per asfissia, e può essere la lastra che ha segnato il luogo della sua morte.

Riferimenti:
1. Ludwig von Pastor, The History of the Popes — Drawn from the Secret Archives of the Vatican and other Original Sources, v. XXIV. Londra: Kegan, Paul, Trench, Trubner & Co., 1933, p. 521.
2. Ibid., p. 522.
3. Prosper Guéranger, Life of Saint Cecilia, Virgin and Martyr. Philadelphia: Peter F. Cunningham, 1866, p. 283.
4. Ibid., p. 284.
5. Pastor,op. cit., p. 523.
6. Ibid., p. 525.

Tradotto da The Incorruptibles, Charlotte: TAN Books, 2012, pp. 1-4.

  • 1
  • 2
Tags:
reliquiesanta cecilia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni