Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

National Geographic: nuova straordinaria campagna sulle persone con Sindrome di Down

TROCHĘ INACZEJ, NATIONAL GEOGRAPHIC

fot. Marcin Zaborowski (@marcin.zaborowski)/@natgeopl/Instagram

Anna Malec - pubblicato il 27/11/18

“Guardateci in modo un po' diverso” è una serie di ritratti splendidi e drammatici

“Ida, sei una ragazza bellissima!”

“Una donna bellissima! Splendida fotografia!”

“Un taglio di capelli fantastico!”

Sono stati questi i commenti alla fotografia di una modella unica, pubblicata sul canale del National Geographic su Instagram. Si adatterebbero a qualsiasi foto di moda, se non fosse per il fatto che la modella non è una ragazza che lavora per una delle grandi case di moda ma Ida, un’adolescente con la Sindrome di Down, che posa con grazia e naturalezza per Marcin Zaborowski, giornalista e fotografo che lavora per National Geographic Polonia.

“Ho avuto il privilegio di realizzare una parte di una campagna sociale molto insolita (…) Scattare le fotografie è stato molto impegnativo (è stato il mio debutto in studio), ma sono felice soprattutto di aver avuto il privilegio di guadagnarmi il sorriso dei più piccoli per qualche ora”, ha scritto Zaborowski sul suo blog.

La sessione fotografica, parte della seconda edizione della campagna “Guardateci in modo un po’ diverso” (la prima ha avuto luogo nel 2016), spezza i tabù sociali. I volti felici e sorridenti delle persone affette dalla Sindrome di Down che vediamo attraverso la lente di Zaborowski non solo ci fanno familiarizzare con le persone Down, ma mostrano anche che la sindrome non è un ostacolo alla realizzazione dei propri sogni. Le fotografie sono state pubblicate sul sito web dell’edizione polacca del National Geographic.

View this post on Instagram

A post shared by National Geographic Polska (@natgeopl)

Pensare alla disabilità in modo diverso

La campagna “Guardateci in modo un po’ diverso” è un’iniziativa dell’Associazione Familiari e Amici dei Bambini con la Sindrome di Down, o Iskierka, a Stettino (Polonia).

L’associazione vuole far sì che la Sindrome di Down e l’autismo non vengano associati a sofferenza e infelicità. Sul sito web figurano storie di persone che dimostrano che questa condizione non è la fine del mondo, ma piuttosto l’inizio di un’altra vita, ugualmente piena e felice.

Anziché paura e pregiudizio, offrono sorrisi e apertura agli altri. E guardando i volti felici delle foto di Zaborowski, è difficile non constatarlo nelle splendide persone che hanno accettato di far parte della campagna, che sperano di poter aiutare a ridurre la discriminazione nei confronti delle persone con abilità speciali e dare alle loro famiglie e ai loro amici coraggio e sostegno.

Tags:
fotografienational geographicsindrome di down
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni