Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’Africa raccontata da 19 fotografi giovanissimi che la abitano (FOTO)

SCATTI LIBERI
Cortile dei Gentili
Condividi

La mostra è promossa dal Cortile dei Gentili. Focus su Kenya e Mali: protagonisti bambini e ragazzi tra 8 e 18 anni. Il ricavato per sostenere laboratori fotografici in quei Paesi

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Una mostra fotografica sull’Africa, per la prima volta interamente realizzata dai bambini che la vivono e la abitano; è questo il principio alla base del progetto “Scatti liberi: l’Africa negli occhi dei bambini”,concepito all’inizio del 2018 dal Cortile dei Gentili, in collaborazione con Amref e Fondazione Pianoterra.

Dal 15 al 25 novembre le fotografie sono esposte all’AuditoriumArte – Auditorium Parco della Musica di Roma. Decine di scatti sorprendenti che offrono una visione senza filtri e pregiudizi del continente Africano, osservato attraverso gli occhi di bambini, autori delle fotografie.

Kenya e Mali

“Scatti Liberi”, infatti, ha coinvolto nella primavera del 2018 bambini e adolescenti in situazioni di grave povertà e disagio, residenti nelle periferie di Nairobi (Kenya) e Bamako (Mali), in un percorso pedagogico e culturale, di formazione e integrazione.

Nove ragazzi keniani e dieci maliani, di età compresa tra gli 8 e i 16 anni, sono stati inseriti in un corso propedeutico di fotografia, per offrire loro un’alternativa concreta alla vita di strada e un’opportunità di riscatto professionale e sociale.

I due maestri

A guidare i ragazzi in questo percorso di formazione professionale e personale, due fotografi professionisti: Mohamed Keita, 25enne ivoriano migrato in Italia a causa della guerra civile, e Marco Pieroni, noto fotografo italiano da decenni impegnato sul fronte dei reportage in Paesi dell’Africa sub-sahariana.

Tutte le fotografie potranno essere acquistate; l’intero ricavato sarà destinato a sostenere e finanziare i laboratori fotografici per ragazzi di strada in Mali, in Kenya e in altri Paesi.

Kene

Kene” è un laboratorio fotografico nel distretto di Kanadjikila, a Bamako, creato nell’estate del 2017 da Mohamed Keita. Il progetto “Kene” (che nella lingua locale significa “spazio”, per simboleggiare un luogo di incontro e redenzione) e la sua realizzazione operativa sono stati sostenuti fin dall’inizio dalla Fondazione Pianoterra e ora – con l’iniziativa “Scatti Liberi” – anche dal “Cortile dei Gentili”.

Nafasi

Così come “Kene”, anche il laboratorio “Nafasi” (in swahili “spazio”) nasce per offrire ai ragazzi delle periferie di Nairobi delle concrete opportunità di lavoro e di crescita personale e professionale, come alternativa alla vita di strada.

Nato dall’incontro con Mohamed Keita, ed ispirato proprio al suo progetto in Mali, “Nafasi” è stato voluto e sostenuto dal “Cortile dei Gentili”, grazie al supporto di Amref Health Africa – Italia (che ha messo a disposizione il Centro Dagoretti) e alla collaborazione di Marco Pieroni, incaricato di formare i ragazzi in loco.

Infine, va ricordato che “Scatti Liberi” rientra anche tra le iniziative italiane dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018 (www.cortiledeigentili.com).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.