Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconChiesa
line break icon

La bella iniziativa natalizia di un parroco: un Bambinello in ogni famiglia credente

S. Salvatore in Lauro

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 22/11/18

Accade nella diocesi di Gaeta. A promuoverla Padre Antonio Rungi. L'obiettivo? Proteggere le famiglie ed educare alla natalità

«Un Bambinello in ogni famiglia credente»: è questo lo slogan di padre Antonio Rungi, promotore ad Itri, nell’arcidiocesi di Gaeta, di una iniziativa unica nel suo genere. Benedirà il prossimo 8 dicembre, nella sua parrocchia, le statuine del Bambino Gesù, con l’auspicio che ogni famiglia credente, in questo periodo natalizio, possa tenerne uno in casa.

FATHER ANTONIO RUNGI
Padre Antonio Rungi | Facebook

Un’iniziativa che nasce «non solo per invogliare a riscoprire la bellezza del presepe in ogni famiglia cristiana, credente e praticante, ma anche per invogliare le giovani coppie ad aprirsi generosamente al dono della maternità e della paternità responsabili. In un’Italia, tra i Paesi costituito da tanti anziani e pochi bambini – scrive padre Rungi, passionista e delegato episcopale, nel presentare questa iniziativa – con una denatalità elevatissima, le coppie dei giovani sposi devono riscoprire la bellezza di mettere al mondo dei bambini che sono la gioia e la felicità di ogni famiglia cristiana e umanamente aperta al discorso della vita».

Buon auspicio per le giovani coppie

Gesù Bambino, «benedetto e consegnato alle nostre famiglie qui a Itri, ma mi auguro in ogni parte d’Italia e del mondo dai nostri sacerdoti», sia un motivo in più «per riflettere su questi fondamentali valori della vita cristiana, morale e sociale. Una nazione senza bambini e senza infanzia è destinata a morire ad estinguersi. L’identità nazionale e la dominante della cultura cristiana in Italia passa attraverso anche l’accoglienza della vita nelle coppie soprattutto giovani, che più si possono dedicare alla cura dell’infanzia».


MACRON, PRESIDENTE, FRANCIA

Leggi anche:
Solo le donne ignoranti fanno figli, il maleducato Macron è anche educato male

Educare contro la violenza sui bambini

Un Bambinello benedetto «è segno di protezione in ogni famiglia e soprattutto di speranza in quelle famiglie in cui i bambini sono desiderati ed attesi, ma non arrivano per tanti limiti umani. Per tutte le mamme in attesa – conclude padre Rungi – per le mamme e i papà adulti ed anziani, per le nonne ed i nonni questo Natale 2018 costituiscano per tutti una valida occasione per riportare al centro della famiglia i bambini e l’infanzia, da accogliere, curare, formare e soprattutto difendere da qualsiasi violenza, dentro e fuori le famiglie e in tanti ambienti nel mondo odierno, dove l’infanzia è abbandonata, violata, uccisa o strumentalizzata per fini ignobili dei grandi».


LITTLE GIRL PAINTING

Leggi anche:
10 diritti da rispettare per crescere bambini più sani

Il Bambinello e la cultura del bene

Il ricordo annuale della nascita del Salvatore, in questo Natale 2018, «porti i segni della speranza in un’umanità riconciliata con l’infanzia e che sia sempre e dovunque dalla parte dei bambini, soprattutto di quelli più dimenticati ed abbandonati dell’Italia e del Mondo. Anche un Bambinello può e deve promuovere la cultura del bene e della vita, rispetto a quella del male, della violenza e della morte».

Aleteia
Tags:
gesù cristoparroco

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
3
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni