Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconNews
line break icon

L’Islanda ha eliminato la sindrome di Down… con l’aborto

DOWN

Shutterstock-Denis Kuvaev

Jaime Septién - pubblicato il 12/10/18

Il Paese viene lodato per l'assistenza sanitaria finanziata dallo Stato, ma chi sceglie di dare alla luce un bambino Down è ritenuto egoista perché usa risorse destinate a persone “sane”

Un politico cinico – e ce ne sono a bizzeffe – direbbe che il modo migliore per porre fine alla povertà è eliminare i poveri. La maggioranza lo fa in modo astratto, ma l’idea si è diffusa – almeno in Islanda, sul tema dei bambini con la sindrome di Down nel ventre materno.

Secondo quanto scrive l’attrice statunitense Patricia Heaton in un articolo pubblicato dalla rivista America, “l’Islanda non sta eliminando la sindrome di Down, sta solo uccidendo tutti quelli che ne sono affetti”.

Insicurezza

La Heaton, protagonista della sit-com The Middle, della rete televisiva statunitense ABC, ma più nota per il suo ruolo di Debra Barone in Tutti amano Raymond, per cui ha vinto un premio SAG e due Emmy, riferisce di essere rimasta sorpresa quando ha letto un tweet della CBS News che diceva: “L’Islanda è sul punto di eliminare virtualmente la sindrome di Down attraverso l’aborto”.

Il tweet è vero, ma è una terribile verità. “Sì”, scrive la Heaton, “quasi il 100% dei bambini non nati a cui viene diagnosticata la sindrome di Down in Islanda viene orribilmente abortito. Alcune delle persone intervistate nell’articolo, però, non sembravano del tutto sicure che fosse corretto”.

L’ospedale che realizza tutti gli aborti in Islanda ha una sala speciale per la procedura, e riconosce l’assassinio dando alla madre del bambino abortito un cartoncino per “pregare” che indica il sesso e il peso del bambino, insieme alle sue impronte.

“La nascita di qualsiasi bambino porterà grandi cambiamenti nella vita dei genitori, e questo è tanto più vero quando si tratta di un bambino con una disabilità. Che questo cambiamento venga visto come positivo o negativo dipende spesso da come vengono comunicate le notizie”, scrive la Heaton.

“Molti genitori si sono lamentati del fatto che i medici tendano a dipingere un quadro estremamente grave quando assistono mamme e papà che hanno scoperto di aspettare un figlio o una figlia con la sindrome di Down”.

  • 1
  • 2
Tags:
abortoislandasindrome di down
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni