Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Papa espelle dal sacerdozio César Cordero Moscoso per abuso di bambini in Ecuador

©ServizioFotograficoOR-CPP
Condividi

Terzo caso di espulsione dal sacerdozio dopo Fernando Karadima e Cristián Precht

Papa Francesco ha espulso dal sacerdozio César Cordero Moscoso, 91 anni, dell’arcidiocesi di Cuenca, in Ecuador, per l’abuso di minori e persone vulnerabili in 68 anni di ministero.

Si tratta del terzo sacerdote latinoamericano ad essere stato allontanato quest’anno dal clero, dopo l’espulsione di Fernando Karadima, potente ex parroco della chiesa cilena di El Bosque, e Cristián Precht, sacerdote cileno icona dei diritti umani.

Cordero Moscoso ha ricevuto la massima pena che la Chiesa possa infliggere in caso di abuso, e il Papa ha affermato che non firmerà mai la grazia.

La “dimissione dallo stato clericale in modo permanente e perpetuo” è stata notificata all’ex sacerdote il 4 ottobre 2018, dopo la fine del processo canonico avviato ad aprile, “rispettando i tempi per la presentazione dell’accusa formale da parte delle vittime e la rispettiva indagine”, ha confermato alla stampa l’arcidiocesi di Cuenca.

“È importante sottolineare che la responsabilità legale non è istituzionale, ma personale; come istituzione, tuttavia, abbiamo agito con verità, trasparenza e celerità, come richiesto dalla legge canonica”, si legge nel comunicato.

L’accusa

Il religioso è stato accusato legalmente dell’abuso sessuale ai danni di bambini che studiavano nelle strutture da lui fondate più di 50 anni fa. Ad aprile, Jorge Palacios ha denunciato di essere stato abusato sessualmente da Cordero Moscoso all’epoca della scuola primaria nell’istituto Miguel Cordero.

Dal canto suo, la Chiesa cattolica di Cuenca ha reso noto che porta avanti il suo impegno “con decisione per continuare a lavorare per sradicare qualsiasi abuso fisico, psicologico e sessuale che possa verificarsi all’interno delle famiglie e delle istituzioni di ogni tipo, in particolare contro i minorenni, e accompagnare spiritualmente le vittime”.

Terminato il processo canonico, le vittime potranno portare avanti le richieste legali particolari contro l’ex sacerdote nel caso in cui lo ritengano pertinente.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni