Aleteia
mercoledì 30 Settembre |
San Girolamo
News

Sacerdote veneto lancia la "tassa sulla sposa": più l'abito è corto, più si paga

Louise ALLAVOINE/CIRIC

Lucandrea Massaro | Tue Sep 04 2018

Una provocazione che ha fatto indignare qualcuno, ma che ci ricorda che il matrimonio in Chiesa non è una passerella...

Si vedono talvolta spose uscire dalla Chiesa con vestiti che ci si aspetterebbe in ben altri contesti, qualcuno dirà “è la moda”, a volte è invece una questione di rispetto e di buon senso (oltre che di buon gusto). E’ quello che deve aver pensato don Cristiano Bobbo, parroco di Oriago e Ca’ Sabbioni, in provincia di Venezia, che sulle pagine del settimanale parrocchiale «Una voce nella Riviera», ha suggerito di tassare i vestiti da sposa più appariscenti e succinti. Un’idea nata dall’esasperazione del parroco costretto ad officiare sempre più matrimoni in cui la sposa dimentica «la semplicità e il buon gusto» per lasciarsi andare alle «deformazioni della moda, che oggi sembra imporre modelli che amano sguazzare nel fango dei sentimenti e delle esperienze possibilmente deviate o debordanti» (Corriere del Veneto, 4 settembre).

https://www.youtube.com/watch?v=grqqEZKx_-8

Il buongusto e la virtù della temperanza

Per il sacerdote «sarebbe importante che le spose facessero comprendere anche attraverso la semplicità e il buongusto del loro vestito la delicatezza, la poesia e la freschezza del momento che stanno vivendo» (Ansa).

Questo perché, prosegue don Cristiano, «C’è uno stile di dignità e riserbo che dev’essere riconquistato; c’è un rispetto dell’altro che è alla base di una vita sociale seria e serena».

Don Bobbo vuole risvegliare il buon senso prima ancora del sensus fidei, lo fa con leggerezza e con ironia, e non tutti hanno colto l’occasione per farsi un sano esame di coscienza. La suggestione del parroco di Oriago ha infatti già raccolto repliche discordanti, e i fedeli si sono divisi tra chi si accoda alla polemica sollevata, e i tanti indignati per la presunta ingerenza del prete nella sfera personale, tuttavia – aggiungiamo – per chi non vuole intromissioni nella sua cerimonia c’è pur sempre il matrimonio in Comune…

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
bellezzacastitàmatrimonio
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
Gelsomino Del Guercio
Parla il sacerdote che ha vinto 35mila euro a...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Oleada Joven
Lettera di Gesù a te: dalla mia croce alla tu...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni