Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

La più grande bugia sulla maternità

MOM,BABY,VACUUM
Shutterstock
Condividi

Buona parte della maternità si basa su risultati non misurabili, e e poi ce ne sono altri posti su un piano del tutto diverso…

Come moglie e madre, spero che la mia funzione primaria nella vita sia quella di essere un canale di questa grazia reale nella vita della mia famiglia. E allora perché mi do prontamente una pacca sulla spalla per il fatto di fare cinque carichi di lavatrice, portare mio figlio dal dentista o organizzare un armadio pieno di cose di seconda mano ma non sento lo stesso senso di realizzazione dopo aver cullato un figlio nelle ore interminabili dopo la cena?

E se alla fine della giornata riuscissi a riempire dei cesti con tutti i miei tentativi di raggiungere la grazia?

E se potessi parlare con mio figlio di 12 anni dell’importanza di essere inclusivi al parco giochi e gettarlo in un cesto insieme a un altro momento di grazia – il ringhio che ho soffocato quando mio marito mi ha accusata ingiustamente di aver spostato le sue chiavi perché “la risposta dolce calma il furore” (Proverbi 15, 1)?

Cosa succederebbe se riuscissi a riunire tutti quei momenti di grazia esercitati dalla mia famiglia durante la giornata e poi stendermi a letto la sera ripercorrendoli, rallegrandomi per le meraviglie che sono? E se potessi mettere i miei figli a letto la sera e incoraggiarli con le volte in cui li ho colti a scegliere la grazia quel giorno? Questa idea di trovare la realizzazione nella grazia che si è manifestata è diventata un’abitudine serale, che peraltro raccomando caldamente.

Un battibecco scongiurato è un grande risultato. Ascoltare i miei figli che giocano felici mentre preparo la cena è un tocco di Paradiso.

Un’altra cosa su quel meme di Facebook. Permettetemi di dirvi che una madre con bambini esigenti che le si aggrappano ai fianchi raggiunge davvero moltissimo alla fine di una giornata.

Se ho parlato dell’attenzione materna in termini di essere un canale dell’autentica grazia, c’è un’ampia serie di prove scientifiche, come uno studio del Nationwide Children’s Hospital dell’Ohio, che conferma la mia opinione (nella fattispecie relativa all’importanza del contatto fisico con i neonati): tenere fra le braccia i vostri figli è fondamentale! “Il primo sviluppo cerebrale (dovuto al frequente tocco da parte de genitori) influirà sulla loro capacità di imparare e sul loro sviluppo sociale.

Per me si tratta di una notizia piuttosto sorprendente, perché io sono quella madre “alla buona”, scarmigliata che veniva mostrata nel meme. Spesso non ricevo grandi ricompense materiali per la mia fatica, ma le grazie – relative alla mia vocazione alla maternità – sono fluite da Dio ai miei familiari attraverso di me, portando a una famiglia pacifica seppur imperfetta.

Se non posso vedere o misurare queste grazie come se fossero biancheria ben piegata e riposta in bei cesti, non è perché non hanno valore, ma perché ne hanno uno incommensurabile.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni