Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconSpiritualità
line break icon

Cos’è l’abuso spirituale? Si verifica nella Chiesa cattolica?

Charles-Clegg-CC

Luis Santamaría del Río - pubblicato il 25/08/18

Un fenomeno che va al di là della pederastia

Nella sua recente Lettera al Popolo di Dio (20/08/18), Papa Francesco ha messo ancora una volta al centro dell’attenzione della Chiesa “la sofferenza vissuta da molti minori a causa di abusi sessuali, di potere e di coscienza commessi da un numero notevole di chierici e persone consacrate”.

Accanto a questi abusi, ricorda, c’è la cultura del silenzio, dell’indifferenza o perfino della complicità.

Al di là degli abusi sessuali

Il Pontefice non ha limitato la sua riflessione alla dimensione sessuale, e non si è riferito neanche solo ai minorenni.

Il problema ha dimensioni più ampie, e per questo sottolinea in più di un’occasione che si verificano anche abusi “di potere e di coscienza”. Perché insiste su questo?

La realtà ci mostra casi in cui si può cadere in atteggiamenti settari all’interno della Chiesa, con pratiche comuni nel mondo delle sette ma che si possono riprodurre anche in diocesi, parrocchie, seminari, comunità consacrate, associazioni di fedeli…

Già nel 1986, il documento della Santa Sede sulla sfida pastorale delle sette segnalava che alcune mentalità o atteggiamenti di setta, come l’intolleranza o il proselitismo attivo, si possono riscontrare anche in gruppi cristiani o all’interno di alcune Chiese o comunità ecclesiali.

Tecnicamente non possiamo parlare dell’esistenza di sette all’interno della Chiesa cattolica. Si possono invece verificare, e di fatto si verificano, comportamenti settari che possono danneggiare le persone che fanno parte di questi gruppi.

È anche vero che la Chiesa dispone di strumenti normativi per correggere e prevenire queste deviazioni.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
abusispiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni