Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Per avere l’armadio (e il matrimonio) in ordine basta un ottimo libro…la Bibbia!

COPPIA IN CABINA ARMADIO
Condividi

Ecco come un'alluvione domestica ha spinto una coppia di sposi a fare ordine sul serio nell'armadio e ancora di più nei loro cuori. Un restyling generale, nome compreso, per il famoso Duo con l'anello...

Lettere a una moglie 2 di Giuseppe Signorin

Era da un po’ che dovevamo fare ordine, amore mio. Per mesi ti ho vista studiare metodi infallibili provenienti dal Giappone, firmati Marie Kondo. Per me, un incubo. Ansia a dosi industriali. Sembrava ci volesse una laurea in ingegneria aerospaziale per mettere a posto l’armadio. Poi è accaduto l’inspiegabile e si è risolto tutto.

Mentre stavamo tornando, carichi di gioia, da Medjugorje, hai ricevuto una telefonata: la nostra casa era allagata. Un tubo ha pensato bene di scoppiare e inondare ogni centimetro di pavimento. Pochi minuti prima, anche il frate che ci aveva accompagnati in pellegrinaggio aveva ricevuto una telefonata: il tetto della sua chiesa aveva preso fuoco. A un’ora da Vicenza, il pullman su cui stavamo viaggiando ha iniziato a fare rumori strani e nel giro di poco si è fermato in autostrada. Differenziale andato. Panico. Subito il punk di tuo marito stava per rimanerci male, poi l’accumularsi degli eventi lo ha quasi messo di buon umore.

Forse perché intuiva che la casa allagata ci avrebbe costretti a un reset più sbrigativo dei metodi nipponici di Marie Kondo. I metodi biblici sono sempre i migliori. Pensiamo al Diluvio. O all’Esodo. La casa allagata ci ha permesso di disfarci in un attimo di un bel po’ di roba accumulata per terra nelle varie stanze che da tempo non avevamo il coraggio di gettare. Senza tutto quel fardello, le nostre menti hanno cominciato a ragionare (speriamo) meglio. E – miracolo – all’unisono. Parlando della band dal nome incomprensibile in cui ti obbligo a cantare, è venuto fuori che da mesi entrambi pensavamo a un nome in italiano… Per me, un’eresia… Che però mi frullava in testa da molto, come una vocina che non riuscivo a far tacere… Sarà che la spiegazione del nome di solito occupa metà concerto, e poi comunque non si capisce… Boh, però è nata in noi l’esigenza, dopo l’allagamento, di aggiungere al nome interplanetario “Mienmiuaif”, al momento solo a mo’ di sottotitolo (o di pay off, mi ha suggerito l’amico Mirko che sa l’inglese come te), il nome italiano “Mia moglie ed io”, con quel «ed io» che suona tanto come «e Dio».

Perché senza Dio un matrimonio, se si inonda la casa, ma anche per meno, va a fondo. Insomma, se prima il nostro nome era quasi impossibile da pronunciare, ricordare, digitare su Google, ora è ancora più complicato perché è un nome doppio: “Mienmiuaif – Mia moglie ed io”, col trattino, o “Mienmiuaif (Mia moglie ed io)” fra parentesi. A piacere. Un grandissimo caos. Però almeno le persone non avranno più scuse per non promuovere il duo con l’anello in Italia e non solo su Marte, dove “Mienmiuaif” si comprende benissimo e non sarebbe servito nulla di tutto questo. Ma si sa, gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere. E noi mariti per voi donne dobbiamo morire ogni giorno a noi stessi. Compresi i nomi geniali che ci vengono in mente. Che Dio continui a sopportarci. Ti amo.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.