Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconChiesa
line break icon

Pentimento, vergogna: reazioni della Chiesa al rapporto su abusi compiuti in Pennsylvania

ABUSE

Shutterstock-Ann in the uk

Vatican News - pubblicato il 15/08/18

"Profondo rimorso", "grande tristezza", "l'abuso è spregevole e non trova posto nella Chiesa", "shock", "vergogna": i vescovi cattolici dello Stato della Pennsylvania negli Stati Uniti hanno risposto con parole chiare ad un rapporto sugli abusi sessuali presentato martedì scorso dal pubblico ministero

“È doloroso per chiunque lo legga, in particolare per i sopravvissuti agli abusi sessuali e per le loro famiglie”, si legge in una dichiarazione della diocesi di Filadelfia. “siamo profondamente dispiaciuti per il loro dolore e rimaniamo sulla via della guarigione”. Il vescovo di Pittsburgh ha scritto nella sua dichiarazione che su nessun punto si vuole “sminuire il dolore che è sorto”. Tutte e otto le diocesi della Pennsylvania hanno risposto alla relazione preparata da una grande giuria, ufficialmente incaricata secondo il diritto processuale statunitense in una procedura non pubblica e con l’aiuto della polizia ad indagare su possibili comportamenti criminali. L’inchiesta è stata aperta dal procuratore generale dello Stato. Sono state indagate sei delle otto diocesi della Pennsylvania, mentre le altre due sono già state oggetto di precedenti indagini.

Oltre 1000 vittime

Ci sono voluti due anni alla Giuria per completare il rapporto di 900 pagine. Si tratta di abusi avvenuti nello Stato della Pennsylvania e compiuti da esponenti della Chiesa cattolica. Il dossier riguarda gli ultimi 70 anni e questo ha consentito di svolgere un’indagine sistematica, anche se non ci sono stati nuovi casi da scoprire. Sono state trovate 1.000 vittime. Ma si stima che il numero complessivo sia più alto. Il rapporto è il più completo mai prodotto da una istituzione governativa negli Stati Uniti su casi di abusi. Oltre ai nomi citati nel dossier, emerge soprattutto l’accusa che la Chiesa abbia avuto una propria “sceneggiatura” per la copertura dei casi.

Nessun colpevole sia protetto

È necessario combattere questo crimine “per garantire – afferma la diocesi di Scranton – che nessun bambino sia vittima di abusi e che nessun colpevole sia protetto”. Tale diocesi pubblica sul suo sito web anche i nomi di 70 colpevoli, sacerdoti e laici, comprese le persone che non sono menzionate nel rapporto della Grande Giuria. La diocesi di Erie cita 34 persone e i luoghi in cui vivono e vengono anche indicati i nomi di 31 defunti. Tra i 65 nomi ci sono una donna e un vescovo. Secondo il sito della diocesi, il presule in particolare non ha investigato su accuse di abusi nella sua area di competenza. Il vescovo di Erie, mons. Lawrence Persico, ha scritto direttamente alle vittime degli abusi.

Preghiere e sostegno

Tutte le diocesi, come il rapporto stesso, sottolineano che negli ultimi anni e decenni sono stati fatti grandi progressi in termini di trasparenza. Questa è la strada da seguire, secondo il tenore dei pareri. “Continueremo a fare ammenda per i peccati del nostro passato e offriremo preghiere e sostegno a tutte le vittime di queste azioni”, sottolinea il vescovo di Harrisburg, mons. Ronald W. Gainer. “Ci impegniamo a proseguire e a intensificare i cambiamenti positivi per garantire che tali atrocità non si ripetano mai più… Voglio che i bambini, i genitori, i parrocchiani, gli studenti, il personale, il clero e il pubblico sappiano che le nostre Chiese e scuole sono sicure; non c’è niente che prendiamo più sul serio della protezione di coloro che entrano attraverso le nostre porte”.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
abusipedofilia nella chiesastati uniti d'america
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni