Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La Cattedrale di Sale di Zipaquirá: “Un incontro con Dio sotto terra!” (FOTO)

SALT
Condividi

Questo splendido tempio cattolico, unico al mondo, è stato completamente intagliato nella roccia salina. È visitato da oltre 600.00 turisti di 145 Paesi ogni anno

La visita produce nel visitatore – cristiano, ateo o agnostico – sensazioni diverse, da raccoglimento, ammirazione e misticismo a reverenza, pace interiore e gratitudine.

È necessario visitare questo luogo situato al centro della Colombia per comprendere perché un’opera costruita per la seconda volta nelle profondità della terra venga considerata un gioiello architettonico moderno o quale sia stata la ragione per la quale l’organizzazione Ripley Entertainment l’ha certificata come unico tempio sotterraneo al mondo e l’abbia inclusa nel 2017 nel suo libro Believe it or not!

La storia della Cattedrale di Sale di Zipaquirá è legata alla vita dei muiscas o chibchas, un popolo indigeno che molto prima dell’arrivo dei conquistadores spagnoli usava il sale estratto dalle miniere della regione per nutrirsi e per gli scambi commerciali. Anni dopo, ha riferito ad Aleteia il responsabile della Cattedrale di Sale, Raúl Alfonso Galeano Martínez, quelle miniere sono state sfruttate artigianalmente, ma solo fino al 1932, per via della devozione cristiana dei minatori, quando è stata costruita una cappella in un avvallamento ed è stato realizzato il progetto di una cattedrale.

Dal giorno della sua inaugurazione, il 15 agosto 1954, la prima chiesa è stata definita un’opera “monumentale e indescrivibile che ha potuto essere ispirata solo dal potere di Dio”. I dati lo dimostrano: scavi a 80 metri di profondità, sotto una montagna di 400.000 metri quadri; sei colonne saline di supporto, di 80 metri quadri ciascuna; quattro navate lunghe 120 metri, larghe 13 e alte 22 e un’area di 5.500 metri quadri con capienza per 8.000 persone. Nei punti di maggior spicco sono state situate immagini come quella di Nostra Signora del Rosario de Guasá, patrona del luogo, più nota come Virgen Morenita.

Problemi strutturali provocati dallo sfruttamento industriale della miniera hanno costretto nel 1992 alla chiusura della cattedrale e alla costruzione di un altro tempio che non influisse sulla produzione mineraria e garantisse la piena sicurezza dei visitatori. Tra le 44 proposte esaminate è stato scelto il progetto dell’architetto colombiano Roswell Garavito Pearl, che ha ripreso aspetti della vecchia chiesa includendo altri elementi architettonici, mistici e religiosi che hanno impresso un’aria più maestosa e cerimoniale.

La seconda cattedrale, situata a 180 metri sotto terra e inaugurata nel 1995, si estende su una superficie di 8.550 metri quadri. Uno dei punti più belli è la Via Crucis, un percorso di 386 metri in cui si può pregare ricordando 14 momenti della Passione e Morte di Gesù. Le tre affascinanti navate lunghe 80 metri evocano nascita, vita, Morte e Resurrezione di Cristo, anche se è nella parte centrale che emerge la croce intagliata nella roccia più grande del mondo, una scultura di 16 metri per 8 che si può ammirare da varie angolazioni. In quel punto sono state erette anche quattro colonne che rappresentano gli evangelisti Luca, Giovanni, Marco e Matteo ed è stata scolpita La Creazione, una scultura che ricorda Michelangelo e la Cappella Sistina.

Altri monumenti degni di ammirazioni intagliati da colombiani sono la Pietà, la Sacra Famiglia, una cupola interna che si eleva verso il cielo, l’arcangelo, la cappella del Santissimo e dei labirinti che rappresentano le penitenze dei non battezzati.

Altre attrazioni

Il Parco del Sale, in cui è situata la “prima meraviglia della Colombia”, ha molteplici attrazioni, tra cui il Sentiero Ecologico che mostra la ricchezza verde della regione, il Museo de la Salmuera, in cui si mostra il processo di formazione del sale, e la Ruta del Minero, un’attività emozionante che permette di familiarizzare con l’estrazione della roccia salina. Vengono organizzate anche visite a Zipaquirá, una città storica dall’architettura coloniale e in cui ha studiato il Premio Nobel Gabriel García Márquez.

Secondo dati ufficiali, più di 600.000 persone giunte da 145 Paesi hanno visitato la Cattedrale di Sale nel 2017. Questo notevole flusso di turisti ha fatto sì che Trip Advisor, portale digitale specializzato in recensioni di viaggio, ne abbia riconosciuto l’importanza culturale, architettonica e religiosa, concedendole per il quinto anno consecutivo un certificato di eccellenza.

L’importanza religiosa, oltre al nome, alle figure esistenti e ai simboli del cristianesimo, si riflette anche nelle Eucaristie celebrate, nelle cerimonie della Settimana Santa e di Natale e nei concerti di musica religiosa. Per molti cattolici, la fede dei visitatori e la magnificenza della cattedrale si possono sintetizzare in una frase che viene ripetuta dagli abitanti di Zipaquirá: “Un incontro con Dio sotto terra!”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni