Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Mio marito vuole il divorzio… e ora cosa faccio della mia vita?

DIVORCE
nd3000 - Shutterstock
Condividi

A livello di idee:

Il mio era stato vero amore per una persona, e un amore personale non è una questione di desiderio sessuale, emozioni o semplici sentimenti, cose passeggere e mutevoli.

L’amore personale non è tutto questo, perché contiene la verità che la persona nella sua natura è uno spirito incarnato che trascende ogni limite per amare, per cui l’indissolubilità del matrimonio è una relatà, più che una possibilità.

È per questo che possiamo impegnarci per la vita, perché tra la nostra natura e la sua capacità di impegno può entrare in gioco la libertà impiegata male. Questo spiega il fatto che nel mio matrimonio quello che avrebbe dovuto e potuto essere non è stato perché mio marito non ha voluto.

Non volendolo, il mio ex marito ha cercato di giustificare l’ingiustificabile, e in questo tentativo ha negato se stesso come persona, mentre io ho mantenuto intatta la mia dignità, quello che doveva diventare la pietra angolare per ricostruire la mia vita.

A livello di emozioni:

Non si tratta di diventare di pietra, il dolore è reale, e bisogna versare fino all’ultima lacrima senza lasciarsi trascinare dal sentimentalismo, perché anche se i sentimenti sono positivi non sono il meglio, visto che non possiamo ridurci solo alla sensibilità perdendo di vista ciò che valiamo come persone, così come la realtà sulla quale ci dobbiamo concentrare, perché la vita deve andare avanti.

Non nutro nel cuore il minimo dubbio di riuscire a ottenere sempre più una pace interiore che permetta a me e ai miei figli di crescere interiormente, con una vita sempre più piacevole e tranquilla. Non dubito neanche della mia capacità di manifestare affetto, tenerezza e amore autentici se trovassi con un’altra persona il tempo e lo spazio dell’amore, perché l’esperienza mi ha aiutata a superare aspetti intimi che bisognerà proteggere, facendo crescere la mia capacità di amore personale.

A livello di atteggiamenti:

Mi sforzerò per quanto possibile di lavorare e intraprendere qualche progetto che mi permetta di sviluppare la mia personalità con il dominio dei miei affetti, senza tenere il cuore in mano.

Eviterò la comodità e la vita facile, non cercherò di dare colore alla mia vita di emozioni sensibili con l’aiuto di stimolanti esterni come l’alcool, ambienti rumorosi o amicizie superficiali. Cercherò invece la gioia personale di chi ha la volontà di trovare il vero senso della sua vita.

Il divorzio, nella maggior parte dei casi, cerca la sua giustificazione con atteggiamenti che evadono qualsiasi impegno personale. Se le persone si potessero ridurre a queste manifestazioni limitate non ci sarebbe spazio per il vero matrimonio, in cui concorrono in perfetta sintonia la natura dell’essere persona, la libertà e l’impegno.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.