Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconStile di vita
line break icon

Il tipo più doloroso di rifiuto (e come affrontarlo)

HEARTBROKEN GIRL

Shutterstock

Calah Alexander - pubblicato il 25/06/18

Come accettare le emozioni spiacevoli e andare avanti

A Camp Gladiator, uno dei nostri motti è #bettertogether. Ciò vuol dire che noi formatori lavoriamo come una squadra, e quando qualcuno si iscrive gli lasciamo scegliere la location che pensa funzionerà meglio.

È un ottimo modello perché promuove davvero la costruzione della squadra. Ma non mentirò, quando qualcuno sceglie un altro formatore e non me mi urta un po’ – anche se conosco e voglio bene a tutti i fantastici formatori della nostra squadra. Nessuno ama il rifiuto, che si verifichi in un colloquio di lavoro o a un primo appuntamento, ma alcuni rifiuti – o, specificatamente, un certo tipo di rifiuto – fanno più male di altri.

Secondo Ladders, tendiamo a sentirci rifiutati in modo più spiccato e per più tempo quando il rifiuto è accompagnato da un paragone con un’altra persona piuttosto che essere un “No” secco.

Uno studio recente pubblicato sul Personality and Social Psychology Bulletin ha scoperto che quando un rifiuto implica un confronto tra noi e un’altra persona sentiamo la fitta persistente di quell’offesa ben più di quanto sentiremmo un “No”senza mezzi termini.

Per provarlo, i ricercatori hanno reclutato più di 100 partecipanti e li hanno divisi in squadre di tre persone in cui veniva detto loro che avrebbero completato dei rompicapo per testare come lavoravano insieme i gruppi. In ogni trio c’erano sempre due persone al corrente del piano, che seguivano le indicazioni dei ricercatori su come agire. In metà dei gruppi, il terzo componente ignaro doveva guardare un altro partecipante scegliere di lavorare con la seconda persona anziché con lui. Nell’altra metà, uno degli attori sceglieva semplicemente di lavorare da solo piuttosto che collaborare con gli altri. I partecipanti che dovevano guardare gli altri due fare squadra senza di loro hanno riferito di provare emozioni molto più negative di tristezza e rabbia e si sono risentiti con chi non li ha scelti molto più di quelli che hanno guardato semplicemente chi li ha rifiutati lavorare da solo.
  • 1
  • 2
Tags:
rifiuto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni