Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
Stile di vita

Perché dovremmo socializzare più spesso senza alcool

GROUP,FRIENDS,BAR

Shutterstock

Calah Alexander - pubblicato il 11/05/18

Trascorrere una serata senza alcool è un segno di rispetto

Venerdì sera abbiamo prganizzato una missione di Camp Gladiator in un bar. È stato molto divertente, ma man mano che la serata procedeva e si beveva di più ho notato un fenomeno che avevo in qualche modo dimenticato.

Sono ormai anni che non frequento con regolarità bar e ristoranti – la vita con molti bambini rende la cosa insostenibile. Quando però ero appena sposata e incinta del primo figlio uscivamo ancora con gli amici la sera. Ero sempre ansiosa di andare perché sono un tipo estroverso, e in genere quelle serate mi piacevano molto.

Per circa tre ore.

Inevitabilmente si faceva tardi e mi stancavo, mentre tutti i miei amici si facevano un altro giro. Diventavano rumorosi e sciocchi, e io mi irritavo sempre di più, aspettando che mio marito fosse pronto ad andar via per potermi buttare a letto.

In genere venivo presa in giro e qualcuno dava la colpa della mia stanchezza o della mancanza di affabilità alla gravidanza, ma non era solo perché ero incinta. Molto dipendeva dal fatto che gli altri bevevano e io no, e più bevevano più la conversazione tendeva a scadere. A dire la verità, mi annoiavo.

Apparentemente, secondo l’Huffington Post, è un fenomeno comune tra gli astemi:

“Può essere difficile guardare le persone prendere decisioni o dire cose che non avrebbero mai preso o detto da sobrie. Una cosa è quando hanno bevuto uno o due bicchieri di vino, ma quando si ubriacano è qualcosa di imbarazzante da guardare” ha detto Almog, che ha scelto di smettere di bere dopo aver lavorato per anni come paramedico e aver visto troppi incidenti provocati dall’abuso di alcool.
Tonnie Katz ha notato che quando le persone hanno bevuto molto “pensano che la loro conversazione abbia senso, quando in realtà è il contrario”. Micah Smith ha detto che un numero sorprendente di suoi amici è “molto sentimentale” e inizierà a raccontare “a chiunque sia disposto ad ascoltarlo di essere orgoglioso della nostra amicizia, o quanto mi vuole bene”. Se la chiacchierata inizia piacevolmente, gli amici spesso superano i limiti e “divulgano troppe informazioni”, ha aggiunto.

È molto simile a ciò che ho sperimentato durante la prima gravidanza. Me ne sono ricordata bene venerdì sera, quando la conversazione ha iniziato a scadere e le persone che non bevevano (o che si limitavano a un drink o due) hanno iniziato a mostrare un sorriso gelido a me familiare.

Uno a uno, hanno iniziato a uscire. Le ho guardati andar via e mi sono sentita un po’ triste, pensando che tutta la questione sociale del bere – se non peccaminosa in sé – può sicuramente complicare la vita a chi non beve. E allora ho deciso di trascorrere la prossima serata senza un drink tra le mani, sia per rispetto nei confronti degli amici che hanno fatto la dura scelta di rinunciare all’alcool che per mostrare solidarietà a chi non ama bere. Socializzare è molto divertente anche senza alcool – e la cosa migliore è che nessuno si sveglia la mattina dopo col mal di testa.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni