Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ai tempi delle fake news, il bene che fa notizia

Condividi

Una proposta controcorrente: diffondere le “buone notizie”

Siete stanchi di leggere solo di tragedie, complotti e fallimenti? In prossimità del 13 maggio, Giornata Mondiale delle Comunicazioni, l’Ufficio Comunicazioni Sociali (UCS) della diocesi di Padova, con il Festival Biblico, in collaborazione con il network Aleteia.org lancia una nuova iniziativa: l’invito a leggere, cercare e promuovere “buone notizie”.

E’ una chiamata generale a diventare protagonisti del buon leggere.

“L’obiettivo  è dare voce a una cultura del bene, a quel bene che solitamente non fa notizia, ma che esiste, e cresce nascosto, solido e costante. Leggete, quindi una buona notizia al termine della messa del 13 maggio!”, ha detto don Marco Sanavio, direttore UCS della diocesi di Padova.

Il sacerdote spiega, riprendendo le parole di Papa Francesco nel messaggio per la 52ma giornata mondiale, l’importanza di “esprimere e condividere il vero, il buono, il bello”.

Per questo motivo, Sanavio invita ad “alimentare, proprio in questa settimana, una cultura del dono, dell’agire gratuito, così da essere non solo cronisti ma anche fautori di buone notizie all’interno del tessuto locale. La prima buona notizia sono le nostre persone e le nostre storie che si incrociano all’interno di un mistero di incontri”.

Aleteia.org, per l’occasione, arricchirà ulteriormente i suoi contenuti con storie che ispirano” e invita i suoi lettori a segnalare e condividere quelle che più li hanno toccati.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni