Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Chi detiene il record per la canonizzazione più rapida della storia?

SAINT PETER MARTYR
Public Domain
Condividi

Probabimente San Pietro Martire, meno di un anno!

Pietro venne sepolto nella basilica milanese di Sant’Eustorgio, in cui si conservano le sue reliquie, inclusa la testa, che mostra ancora i segni delle ferite al cranio che ricevette. Per via delle circostanze della sua morte, spesso viene rappresentato con un coltello conficcato nel capo, e tra le altre cose è patrono di chi soffre di mal di testa.

La data della morte di Pietro, il 6 aprile, non è stata scelta per celebrarlo perché potrebbe entrare in conflitto con la Pasqua. Viene quindi festeggiato il 29 aprile, e la Chiesa ha celebrato universalmente la sua festa fino al 1969, quando è stata soppressa dal calendario.

Il record di Pietro per il cammino più rapido verso la santità si è mantenuto per quasi 800 anni. Visto che la canonizzazione moderna è un processo molto sofisticato – che include un’estesa indagine sul passato del candidato, sulla sua santità e sulla legittimità dei presunti miracoli –, è probabile che il record di Pietro si manterrà per almeno altri otto secoli.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni