Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le prove storiche di fonti non cristiane sulla vita e la morte di Gesù

ANNALS
Condividi

2. Tacito (56-120 d.C.)

Gli studiosi fanno riferimento allo storico romano Tacito per la conferma del fatto che la crocifissione di Gesù ha veramente avuto luogo. Nei suoi Annali, Tacito riporta la morte di Gesù ad opera di Ponzio Pilato:

Perciò, per far cessare tale diceria, Nerone si inventò dei colpevoli e sottomise a pene raffinatissime coloro che la plebaglia, detestandoli a causa delle loro nefandezze, denominava cristiani. Origine di questo nome era Cristo, il quale sotto l’impero di Tiberio era stato condannato al supplizio dal procuratore Ponzio Pilato; e, momentaneamente sopita, questa esiziale superstizione di nuovo si diffondeva, non solo per la Giudea, focolare di quel morbo, ma anche a Roma, dove da ogni parte confluisce e viene tenuto in onore tutto ciò che vi è di turpe e di vergognoso. Perciò, da principio vennero arrestati coloro che confessavano, quindi, dietro denuncia di questi, fu condannata una ingente moltitudine, non tanto per l’accusa dell’incendio, quanto per odio del genere umano.

3. Plinio il Giovane (62-11 d.C.)

Gli scritti di un governatore romano dell’Asia Minore, Plinio il Giovane, dichiarano che i primi cristiani adoravano Gesù come un dio. Ecco cos’aveva imparato dopo aver interrogato i cristiani:

[I cristiani] erano soliti riunirsi nel giorno stabilito prima dell’alba, di cantare fra loro alternatamente un inno a Cristo, come a un dio, e di impegnarsi con giuramento, non a commettere qualche delitto, ma a non commettere furti o ruberie o adulteri, a non venire meno alla parola data, a non negare, se chiamati, il deposito. Compiuti tali riti, avevano l’abitudine di separarsi e di riunirsi di nuovo per prendere il cibo, peraltro, comune e innocente (Epistola 10.96).

4. Letteratura rabbinica ebraica

Una serie di scritti rabbinici ebraici classici (in particolare il Talmud babilonese) contiene riferimenti a Gesù.

Riassumendo queste allusioni nel suo libro Gesù di Nazareth, lo storico Joseph Klausner scrive:

Ci sono alcune teorie affidabili riguardo al fatto che il suo nome fosse Yeshua (Yeshu) di Nazareth; che praticava la stregoneria (ovvero operava miracoli, com’era comune in quell’epoca) e la seduzione e traviò Israele; che derideva le parole della Scrittura come facevano i farisei; che aveva cinque discepoli; che diceva di non essere venuto a revocare la Legge né ad aggiungervi alcunché; che venne appeso a un pezzo di legno (crocifisso) come falsa autorità e seduttore alla vigilia della Pasqua (che cadeva di sabato) e che i suoi discepoli guarivano dalle malattie in suo nome (J. Klausner, Gesù di Nazareth, p.44)

5. Luciano di Samosata (ca. 125-180 d.C.)

L’autore pagano Luciano di Samosata ridicolizzava i cristiani ma accettava che Gesù fosse davvero esistito:

I cristiani, lo sapete, adorano un uomo ancora oggi – il personaggio che ha introdotto i loro riti ed è stato crocifisso per questo… Questi sventurati si sono convinti che saranno immortali e vivranno per l’eternità e in base a ciò disprezzano la morte e la maggior parte (di loro) si consegna consenzienti (alla morte). Inoltre, il loro primo legislatore li ha convinti che sono tutti fratelli l’uno con l’altro, una volta che, dopo aver trasgredito, rifiuteranno gli dèi greci, mentre (essi) si prostrano davanti a quello stesso sofista che fu crocifisso e vivono conformemente alle sue norme.

6. Il filosofo Celso (II secolo)

Il filosofo greco del II secolo Celso, pur esprimendosi contro il cristianesimo, accettava che Gesù fosse esistito e affermava che compiva i suoi miracoli attraverso la stregoneria:

O luce e verità! Dichiara distintamente, con la propria voce, come voi stessi avete constatato, che verranno da voi anche altri che opereranno miracoli simili ma sono uomini malvagi e stregoni; e Satana. Gesù stesso non nega quindi che queste opere non sono affatto divine, ma le azioni di uomini malvagi; ed essendo spinto dalla forza della verità, allo stesso tempo non solo esponeva le opere altrui, ma si dichiarava colpevole degli stessi atti. Non è allora una conclusione miserabile dedurre dalle stesse opere che uno è Dio e gli altri stregoni? Perché gli altri, per via di queste azioni, dovrebbero essere considerati malvagi e quest’uomo no, visto che testimonia contro se stesso? Perché egli stesso ha riconosciuto che non sono opere di natura divina ma invenzioni di certi imbroglioni, e di uomini profondamente malvagi.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.