Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Aprire la settimana santa col cardinal Ouellet… e con i martiri moderni

Condividi

Veglia di preghiera ecumenica – nell'“ecumenismo del sangue” – a santa Maria in Trastevere. A presiederla il Prefetto della Congregazione per i Vescovi.

Qual è il punto in comune tra il francese Jacques Hamel, l’italiano Pino Puglisi e il salvadoregno mons. Oscar Romero? Tutti e tre hanno offerto la vita per Cristo e per testimoniare il Vangelo. I nomi di questi tre preti sono stati citati accanto a quelli di decine di altri martiri di tutto il mondo durante una grande veglia ecumenica organizzata il 27 marzo 2018. Tra i martiri onorati, un gran numero di preti ma anche dei religiosi e dei semplici laici. Tutti sono testimoni delle fede.

Grande veglia di preghiera a Roma

A far fede dell’importanza conferita a questa veglia di preghiera organizzata nella basilica di Santa Maria in Trastevere, a pochi minuti dal Vaticano, la presidenza del cardinale Marc Ouellet, prefetto dell’importante Congregazione per i Vescovi. Nella basilica, una delle più antiche di Roma, non sarebbe cascato uno spillo a terra, tanta era la gente accorsa per partecipare. Tutta l’assemblea, composta di cattolici, ortodossi e anglicani, ha pregato con un solo cuore per i martiri cristiani. Canti in tutte le lingue hanno costellato la celebrazione, rendendo omaggio a questi testimoni raccolti dai quattro angoli della terra.

Dopo la lettura di un salmo – «Il mio aiuto viene dal Signore» (Sal 120) – e la proclamazione del Vangelo delle Beatitudini, vero gonfalone dei discepoli di Cristo, i nomi dei cristiani che hanno «offerto la loro vita per il Vangelo» sono stati solennemente sgranati, come in un grande rosario. «Il nostro tempo è quello dell’ecumenismo del sangue», ha dichiarato il cardinale Ouellet nella sua omelia, riprendendo quindi le parole di Papa Francesco.

La nostra epoca – ha proseguito – è puntellata di martiri come non era mai avvenuto prima, nell’abbraccio di tutte le Chiesa. Per l’alto prelato, rendere loro omaggio avvicina a Cristo e quindi avvicina i cristiani fra di loro. Si tratta di portare fieramente, e all’unisono, la testimonianza suprema del dono della vita. E il modo più profondo di riconciliare i cristiani di differenti confessioni, ha insistito il cardinale canadese.

Contesti differenti

La lenta litania dei nomi ha riflesso la diversità di tali doni supremi, rischiarati dalla luce del Vangelo. Così alcune religiose hanno speso le loro ultime forze accompagnando dei malati e dei poveri, contraendo a loro volta i loro virus mortali. Dei cristiani sono stati torturati e uccisi per puro odio alla loro fede in Gesù Cristo. Per esempio gli armeni nel 1915, ma anche quelle cinque donne del Daguestan russo nello scorso febbraio. A questi testimoni di ieri e di oggi il cardinale Ouellet non ha mancato di aggiungere le vittime dei conflitti che infuriano nel Burundi e nello Yemen.

Per il prefetto del dicastero, questi cristiani – conosciuti o anonimi – sono portatori di un messaggio di speranza e di fede: «Il loro sangue versato è quello di Cristo che ancora oggi continua a scorrere». È un “dovere di memoria”, ha insistito, il lodare Dio per la grazia della loro testimonianza. E i fedeli devono invocare lo Spirito Santo per trovare la forza «di servire e di amare», seguendo il loro esempio.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.