Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Breve decalogo esistenziale della gioia

UK Catholic/Mazur
Condividi

La testimonianza di un carmelitano che si sente realizzato nella sua vocazione

di padre Jesús Castellano Cervera, OCD

Io, che mi ritengo una persona felice e realizzata nella mia vocazione, ho pensato di dover testimoniare quello che vivo ed offrire una specie di decalogo della mia felicità, della mia esperienza gioiosa di essere quello che sono. Ed ho compilato un piccolo decalogo della felicità con aspetti positivi e negativi.

1. La gioia della gratuità
Si tratta di vivere sempre con un senso di gratitudine e di gratuità. La prima apre il cuore al ringraziamento verso Dio. La seconda ti aiuta a donarti costantemente agli altri, senza badare troppo all’egoismo. La gratitudine sgorga dalla consapevole esperienza di quanto si deve a Dio, vissuta ogni giorno in lunghi tempi di preghiera ed in piccoli attimi di contemplazione. Essa ti allarga il cuore. La gratuità del servizio nell’amore oltre a dilatare la capacità di amare ti permette di uscire da te e di godere delle mille gioie della comunione, della relazione, della creatività. E’ il dono della vita fatto agli altri che ti fa vivere ancora più in abbondanza e ti gratifica per il dono fatto che, passando in verità dal cuore, non può non renderlo più buono.

2. Davanti a Dio nella preghiera
Alle volte anche senza volerlo sentiamo che il nostro stato d’animo, pur nella felicità sostanziale, ha zone d’ombra. Basta scendere un po’ in profondità nella propria coscienza per ritrovare le piccole radici dei dolori dell’anima, delle nostre pneumapatologie. Piccoli noduli che non lasciano scorrere la gioia. Piccoli buchi dell’anima da dove scorre e si perde la nostra energia spirituale. Il bisogno di un po’ di umiltà che è l’unguento delle nostre ferite, dice Teresa d’Avila, e la mitezza che è saper sopportare gli altri, ma specialmente sapere sopportare se stessi, è una buona pneumoterapia cristiana. Un tuffo nel realismo, nell’accettazione della realtà, nella misericordia di Dio ed ecco, per poi risalire rigenerati.

3. Superare le tentazioni contro la gioia
Ci sono momenti più prolungati in cui siamo tentati contro la gioia, è il tempo dell’accidia spirituale.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni