Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Il tè verde potrebbe cambiare la vita dei bambini con la sindrome di Down

DOWN SYNDROME
Denis Kuvaev - Shutterstock
Condividi

70 bambini assumono ogni giorno un apparente frullato al cioccolato in cui i ricercatori proveranno l'efficacia di un composto del tè verde

Il tè verde potrebbe essere qualcosa di più oltre che dietetico e cosmetico. I ricercatori della Fondation Jérôme Lejeune e la Fundación Mutua Madrileña hanno avviato uno studio per determinare se l’epigallocatechina gallato, un composto contenuto in questo tipo di tè, può alleviare le carenze cognitive provocate dalla sindrome di Down.

La ricerca potrebbe dare risultati positivi, visto che due anni fa uno studio su giovani e adulti tra i 16 e i 34 anni affetti dalla sindrome di Down ha rivelato che questo polifenolo del tè verde migliorava la memoria di riconoscimento visivo, l’attenzione, l’autocontrollo e l’autonomia nella vita ordinaria del soggetto.

Camuffato da frullato al cioccolato

Questa volta si studiano gli effetti del preparato farmacologico sui bambini Down. La ricerca viene condotta su 70 bambini di Madrid, Siviglia, Santander, Barcellona e Parigi. L’assunzione avviene due volte al giorno, e visto che il sapore dell’estratto del tè verde è molto amaro gli esperti hanno ideato un frullato al cioccolato che favorisce l’ingestione da parte dei più piccoli.

“La domanda a cui vogliamo rispondere è cosa succede se sottoponiamo al trattamento fin da piccoli, quando il cervello è ancora in piena effervescenza”, ha spiegato ad ABC Rafael de la Torre, coordinatore del saggio clinico e direttore del programma di ricerca in Neuroscienze dell’Instituto Hospital del Mar (IMIM).

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.