Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Rebecca Bitrus, sequestrata da Boko Haram, non ha abiurato (VIDEO)

REBECCA BITRUS
M.MIGLIORATO I CPP I CIRIC
February 24, 2018 : Rebecca Bitrus, Nigerian for two years hostage of the Islamist sect Boko Haram, during the ceremony promoted by "Aid to the Church in Need" which illuminates the Colosseum in Rome.
Condividi

Per due anni ha subito torture e abusi, ha visto il figlio affogato dai terroristi, ma ha tenuto la mano stretta a Gesù. E ha perdonato i suoi aguzzini

Talvolta me ne esco con domande astratte e apocalittiche a mio marito: «Ma se ci venisse chiesto di testimoniare la nostra fede in mezzo alle torture come i primi cristiani, ne saremmo capaci?». Lui risponde richiamandomi alla realtà, a non dimenticare le circostanze quotidiane che sono il nostro pane e in cui senza troppi sofismi anche le minuscole testimonianze fanno la differenza.
Giornate grigie e noiose, stressanti anche, sono le nostre; camminiamo e ci affaccendiamo nascosti in una massa di gente tutta vestita uguale e a testa bassa sul cellulare. Questo è il nostro posto, qui ci è chiesto di squarciare il velo del nichilismo reciproco e portare la buona novella.

La Nigeria è anni luce da qui, ne sentiamo parlare come fossero cronache marziane, un luogo sulla terra eppure un altro mondo. Laggiù le donne si vestono di abiti sgargianti dalle fantasie eccessive, verrebbe da pensarle coinvolte in un ballo delle debuttanti senza fine. Ho letto che hanno una tempra volitiva e testarda, che sono gente a cui piace discutere platealmente e con una caparbietà insistente; ma poi si placano in fretta. L’unico brandello di vita che mi giunge da quel paese, e sbircio con gli occhi, sono le ragazze che stanno sull’Adriatica di notte, schiave del nostro consumismo sessuale. Le guardo sempre e vedo nel loro portamento questa fierezza sfacciata delle leonesse in gabbia; al confronto, mi sento un manichino fatto di pongo.
La Nigeria è lontana anni luce e quello che sentiamo nei TG, magari lo ascoltiamo, ma ci fa lo stesso effetto dei numeri della schedina del totocalcio. Ad esempio, l’Unicef ha riportato un dato allarmante sugli attentati sucidi ad opera di bambini: nei prime tre mesi del 2017 se ne sono verificati 27, mentre nell’intero anno precedente erano stati in tutto 30. L’uno e l’altro dato fanno rabbrividire, a noi abituati a stracciarci le vesti (giustamente!) per i casi di cronaca nera che coinvolgono anche solo un bimbo.

Per una volta la Nigeria ha colmato la distanza abissale da noi, ci è venuta incontro col volto di Rebecca Bitrus che lo scorso 24 febbraio è stata accolta in udienza dal Papa insieme ai familiari di Asia Bibi in occasione dell’iniziativa Aiuto alla Chiesa che soffre. Il Colosseo s’è vestito di rosso per ricordare il sangue dei martiri cristiani dei nostri giorni e lei, Rebecca, ha raccontato la sua storia squadernando tutte le tinte più sgargianti e terribili della sua tragedia, a cui però ha voluto dare il sigillo della Luce. Possono toglierci tutto, ma la libertà di ogni piccola creatura non viene mai meno, perché è custodita dalle mani di Dio e non dell’uomo, e può frantumare armi, sgretolare scudi di odio, sopportare l’insopportabile; speriamo possa scucire la vista dei nostri occhi troppo spesso serrati ad autocommiserarci.
In una lunga intervista a La Stampa Rebecca non ha temuto di rivivere passo per passo l’incubo cominciato il 28 agosto 2014; 28 erano anche i suoi occhi di giovane donna sposata e madre dei piccoli Zacarias e Jonatan. Sacrificio è la parola che fin da subito s’imprime nella vicenda: i terroristi di Boko Haram attaccano la comunità in cui vive; lei costringe il marito a fuggire perché non venga costretto a diventare soldato, lo incita con la frase «Lascia il bambino e scappa, posso prendermi io cura di lui, sono una donna».
Resta indietro col figlio più piccolo e perciò viene sequestrata. ‘Sono una donna’- ‘prendermi cura’: ecco il primo colore accecante per i nostri occhi intorpiditi; la cura materna e muliebre, così schifata dalle femministe nostrane, è una battaglia non un atto di remissività. La donna che si prende cura della famiglia rischia la vita, anche nelle case tranquille dell’Occidente: rischia di strappare un pezzetto di terra all’incuria della legge barbara della fretta, del progresso a tutti i costi, dell’arrivismo e coltiva orti di accoglienza.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni