Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 01 Dicembre |
San Charles de Foucauld
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

7 dati curiosi sui capelli bianchi

WHITE HAIR

stockfour - Shutterstock

Adriana Bello - pubblicato il 12/03/18

Non è possibile che i capelli di Maria Antonietta siano diventati bianchi in una notte, ma Barack Obama potrebbe diventare una prova del fatto che la causa è lo stress

1. Da dove vengono

I capelli bianchi compaiono quando, per motivi ereditari o invecchiamento, le cellule incaricate di produrre melanina (pigmento che dà colore ai capelli) smettono di funzionare adeguatamente o scompaiono. Uno studio recente afferma che a volte è il capello stesso a diventare bianco da dentro a fuori, perché col passare degli anni le fibre capillari incrementano la propria produzione di perossido di idrogeno (acqua ossigenata) e gli enzimi incaricati di catalizzarlo si riducono e non permettono la produzione di melanina.

2. Dimmi la tua razza e ti dirò quando ti verranno i capelli bianchi

Quando si nasce, il corpo è già programmato per quando i capelli si imbiancheranno e in che modo, ma oltre al fattore familiare conta anche la razza. Se si è caucasiche avverrà dai 30 anni circa, se si è asiatiche dai 40 e se si è afroamericane dai 50.

WHITE HAIR
Eugenio Marongiu - Shutterstock

3. Se te ne strappi uno non te ne usciranno altri tre

Si tratta di un falso mito che si è poi diffuso. Bisogna capire che ogni capello nasce da un follicolo capillare, e quindi se se ne strappa uno è il contrario, si può danneggiare il follicolo e far sì che lì non vi nascano più capelli.

4. La causa è lo stress?

Vedere una foto dell’ex Presidente degli Stati Uniti Barack Obama nel suo primo giorno di mandato e una dell’ultimo vuol dire praticamente assicurare che le grandi preoccupazioni possono far venire i capelli bianchi, ma non esiste ancora una prova scientifica valida che stabilisca un rapporto diretto. La cosa che vi si avvicina di più è uno studio realizzato nel 2011 dal vincitore del Premio Nobel per la Chimica Robert Lefkowitz, che ha scoperto che quando una persona è sottoposta a un grande impiego di energia per stress prolungato si può danneggiare il suo DNA e quindi provocare un invecchiamento prematuro. Ad ogni modo, non è una cosa che accade da un giorno all’altro come nel famoso mito per il quale a Maria Antonietta di Francia i capelli diventarono bianchi la notte prima di essere decapitata (probabilmente si tolse solo la parrucca).

WHITE HAIR
stockfour - Shutterstock

5. Si sta cercando una cura duratura

Come un gruppo di scienziati ha voluto provare a trovare la cura per la vitiligine (una malattia che ha a che vedere con la pigmentazione della pelle), ce ne sono altri che stanno lavorando per trovare un modo per porre fine in modo definitivo alla comparsa dei capelli bianchi (e alla schiavitù della tinta per tante persone).

6. Vi manca vitamina B?

Se avete meno di 35 anni e avete molti capelli bianchi, indipendentemente dalle vostre caratteristiche genetiche probabilmente avete una carenza di vitamina B, soprattutto del complesso B5 (acido pantotenico). Fate delle analisi, e se si confermasse questa carenza chiedete al medico quali farmaci assumere e quali alimenti consumare.

7. Continueranno ad essere di moda nel 2018

I “capelli della nonna” sono stati una delle tendenze principali del 2017 e continueranno ad esserlo quest’anno. Ci sarà solo una leggera modifica, ovvero anziché un tono grigio opaco sarà più metalizzato, con mèches o l’intera capigliatura per le più audaci.

È decisamente curioso che mentre alcune lottano con i capelli bianchi perché li vedono come un segno di invecchiamento altre optino per tingersi di bianco o grigio per moda o semplicemente come atto liberatorio e per ricordare che i capelli bianchi sono anche un segno di saggezza e di molte storie da raccontare.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
bellezzacapellicuriositàdonne
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni