Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconFor Her
line break icon

Non aspetto più Godot, è arrivato Cristo!

Shutterstock

MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO - pubblicato il 27/02/18

Che bello incontrare Gesù: Lui si fa strada attraverso i nostri gusti, persino i nostri idoli. E quando arriva ci cambia tutto, anche la dieta

Lettere a una moglie #2 (ovvero l’esodo del duo con l’anello noto in tutto il mondo come Mienmiuaif) di Giuseppe Signorin

Tu cercavi l’amore, io il senso, amore mio. Tu eri già più avanti. Perché in fondo, il senso è l’amore. Però io ero, come adesso, un maschio, e quindi cosa vuoi pretendere? Io cercavo il senso.

Lo cercavo nei libri, nell’arte. Lo cercavo nei libri di Samuel Beckett, grandissimo autore, ma che mi teneva lì con lui, ad aspettare Godot. Lo cercavo nei film di David Lynch. Cercavo il mistero della vita ne I segreti di Twin Peaks. Oppure nell’arte contemporanea, quella in cui se ti va bene non ci capisci niente.

Riassumendo: un essere umano di sesso maschile, e quindi estremamente limitato, che cerca il senso della vita nell’arte più assurda… cosa può trovare? Può trovare, se gli va bene, le fette di salame che qualcuno gli ha messo sugli occhi.

Nel periodo più buio della mia vita, Dio ha fatto questo miracolo: che io trovassi le fette di salame sui miei occhi. Più che due fette, due veri e propri salami. Come un binocolo. Un binocolo fatto di due salami. Io vedevo il mondo attraverso quelle lenti lì. E infatti stavo male. Malissimo. Come tanti. Il salame è gustoso, ma poi fa venire la nausea. Quando studiavo a Milano, mangiavo spesso al McDonald.

Più che per nutrirmi, per avere le allucinazioni. Avevo due salami come binocolo e mi nutrivo di Crispy McBacon, che mi dava le allucinazioni. Lì per lì non era male, ma Crispy McBacon dopo Crispy McBacon, sono arrivato alla frutta. E la frutta al McDonald te la raccomando.

L’acqua è più saporita. E con l’acqua arriviamo a Gesù Cristo. Gesù Cristo mi ha salvato dal Crispy McBacon, dal McDonald, dalle allucinazioni, dall’arte che non si capisce niente. Gesù Cristo è arrivato nella mia vita per portarmi un senso, e un ordine. Ha rimesso le cose al proprio posto. Mi ha guarito. Si è fatto spazio nel mio cuore tramite i miei idoli: gli scrittori, gli artisti.

  • 1
  • 2
Tags:
letteratura italiana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni