Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Devi chiedere qualcosa a Dio? Il Papa insegna in che momento della Messa farlo

Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media
Condividi

Nell'udienza generale, il Pontefice ha affermato che una buona omelia è un diritto dei fedeli

Papa Francesco ha insegnato che nel momento di silenzio dopo il Credo e la Preghiera Universale durante la celebrazione della Messa i fedeli possono chiedere a Dio tutto ciò di cui hanno bisogno, ma “le pretese di logiche mondane non decollano verso il Cielo, così come restano inascoltate le richieste autoreferenziali”. Ha anche parlato del “diritto” dei fedeli a ricevere la Parola di Dio “ben letta” e “predicata con fervore”, sottolineando che il sacerdote che non predica con “fervore” manca al “diritto” in questione.

Lo ha affermato mercoledì 14 febbraio in Piazza San Pietro durante l’udienza generale, nel giorno in cui la Chiesa ha dato inizio alla Quaresima, ovvero al periodo di commemorazione dei quaranta giorni che Gesù ha trascorso nel deserto digiunando e pregando.

“Noi non crediamo”, ha detto riferendosi al potere della preghiera a Messa. “Abbiamo poca fede. Ma se noi avessimo una fede – dice Gesù – come il grano di senape, avremmo ricevuto tutto”.

Il Pontefice ha proseguito il ciclo di catechesi sulla Santa Messa concentrando la sua meditazione sulla Liturgia della Parola: il Credo e la Preghiera Universale.

Chiedete tutto ciò di cui avete bisogno e Dio ve lo concederà

Il Papa ha esortato i fedeli a chiedere a Dio con fede tutto ciò che lo Spirito detta loro dopo la lettura della Parola: “Ricordiamo, infatti, quanto ci ha detto il Signore Gesù: «Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto» (Gv 15,7)”.

Ha tuttavia avvertito che “le pretese di logiche mondane non decollano verso il Cielo, così come restano inascoltate le richieste autoreferenziali”.

Francesco ha anche ricordato che la Preghiera Universale, dopo il Credo, “è il momento di chiedere al Signore le cose più forti nella Messa, le cose di cui noi abbiamo bisogno, quello che vogliamo. ‘Vi sarà fatto’; in uno o nell’altro modo ma ‘Vi sarà fatto’”.

“’Tutto è possibile a colui che crede’, ha detto il Signore. Che cosa ha risposto quell’uomo al quale il Signore si è rivolto per dire questa parola – tutto è possibile a quello che crede-? Ha detto: ‘Credo Signore. Aiuta la mia poca fede’”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni