Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Archeologi israeliani trovano un antico luogo cristiano descritto negli Atti degli Apostoli

Condividi

La piscina bizantina di 1500 anni è stata forse costruita sul luogo in cui Filippo battezzò l'eunuco etiope menzionato nel capitolo 8 degli Atti

Alcuni archeologi israeliani hanno appena scoperto una piscina che ha 1500 anni in un antico luogo cristiano, Ein Hanniya Park, vicino a Gerusalemme. La piscina, risalente all’età bizantina (tra il IV e il VI secolo), è forse il luogo in cui l’eunuco etiope menzionato al capitolo 8 degli Atti degli Apostoli venne battezzato dall’apostolo Filippo.

Secondo quanto hanno reso noto alcuni articoli pubblicati su The Christian Post e World Israel News, la direttrice degli scavi dell’Autorità per le Antichità di Israele, Irina Zilberbod, ha spiegato che “questa piscina è stata costruita al centro di un ampio complesso ai piedi di una chiesa che una volta si erigeva qui. Intorno alla piscina è stato costruito un colonnato aperto che dava accesso alle ali residenziali”.

La piscina potrebbe essere stata costruita su quello che alcuni studiosi dei primi cristiani considerano il luogo in cui San Filippo battezzò l’eunuco etiope secondo Atti 8, 26-40.

Il dottor Yuval Baruch, archeologo del distretto di Gerusalemme, ha spiegato che “il Battesimo dell’eunuco da parte di San Filippo è stato uno degli eventi chiave nella diffusione del cristianesimo, e quindi l’individuazione del luogo in cui è avvenuto ha occupato gli studiosi per molte generazioni ed è diventato un motivo ricorrente nell’arte cristiana”.

L’Autorità per le Antichità di Israele ha riempito le piscine e ha registrato un video per mostrare l’elaborato processo di drenaggio, che culmina in una magnifica fontana. È l’esempio più antico di una struttura architettonica di questo tipo nella regione di Israele.

La Zilberbod ha anche spiegato che per il momento è difficile sapere se la piscina è stata utilizzata “per l’irragazione, per lavare, per il giardinaggio o forse come parte delle cerimonie battesimali sul luogo”.

Sul posto è stato trovato anche un frammento di un capitello, la parte superiore di una colonna. Capitelli di questo genere erano tipici delle strutture reali del periodo del Primo Tempio. Gli archeologi hanno inoltre scoperto una rara moneta d’argento del IV secolo a.C., una delle più antiche mai trovate nell’area di Gerusalemme.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni