Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’adultera e quell’amore di Gesù che supera il peccato

CRISTO ADULTERA QUADRO
Public Domain
Condividi

L'adulterio, l'infedeltà, resta un peccato. Ma nei confronti di questa peccatrice prevale l'invito a cambiare vita

Da lì germinano omicidi, adulteri, fornicazioni, furti, falsa testimonianza, bestemmia. Quanto a porneia lo ritroviamo non solo come generico indicativo di fornicazione, ma anche come termine qualificante la prostituzione. Rinviamo ad altro momento l’approfondimento di quest’ultimo termine. Infatti è la contiguità stabilita con altre azioni connesse alla sfera sessuale a motivare l’amplificazione del comandamento, la sua abnorme estensione.

Ci basta per il momento registrare l’atteggiarsi diverso di Gesù, il suo prestare attenzione agli aspetti intimi e interiori più che all’azione nella sua cruda immediatezza. Prima dell’adulterio e, se si vuole prima dell’impudicizia, c’è la corruzione del cuore, l’incapacità sua di orientarsi verso l’altro/a con un atteggiamento di rispetto. In gioco è l’epithymia, la concupiscenza cui si soggiace passivamente ricusando di orientare altrimenti la propria vita.

Sia chiaro – l’ho già affermato – a rendere peccaminoso il desiderio non è la domanda dell’altro/a, che anzi è questa la molla, il sale buono del vivere. È piuttosto l’orientarsi dissennato e sregolato, l’op-porsi al disegno di Dio. A ciò si aggiunga la disinvoltura con cui Gesù mette in questione l’atteggiarsi dei benpensanti, di quelli che, senza appello, disinvoltamente condannano il peccato degli altri e quello solo.

Domanda d’amore profonda

Quanto a Gesù, se ci troviamo dinanzi a una condanna senza appello di ciò che è disordine, impudicizia, prostituzione, dobbiamo anche costatare come la colpa non si abbatte sul peccatore o sulla peccatrice senza lasciargli scampo. Al contrario a prevalere sono il perdono e la misericordia. La radicalità insomma colpisce il peccato, non chi lo commette e che invece va ricondotto a pentimento e a conversione, proprio a partire dal peccato stesso, dalle dinamiche che l’hanno generato. La molla spesso è un’errata domanda, un mal riposto desiderio che in quell’azione, in quella scelta vede l’ottimizzarsi della propria vita.

A essere stigmatizzata è, dunque, l’incapacità di orientare la domanda, non la domanda in sé stessa. Non avrebbero altrimenti senso le parole di Gesù alla peccatrice in casa di Simone, il suo perdonarle i peccati «perché molto ha amato». E, d’altra parte, proprio il contrasto tra ciò che Simone non ha fatto e che la peccatrice, invece, ha fatto, ci svelano il dramma di una domanda d’amore assai profonda, intatta nel suo valore, malgrado la dissennatezza della scelta. Ed è rispondendo a questa infinita abissale domanda di senso, oltre il fallimento, oltre il peccato, che Gesù la congeda dicendo: «La tua fede ti ha salvata: va’ in pace!».

(da Vita Pastorale, n. 7, 2013, pp. 58-59)

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni