Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Gennaio |
Sant'Agnese
home iconNews
line break icon

"Spaccio senza freni, chiudo la chiesa". La protesta di un parroco torinese

© Michaeljung / Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 01/02/18

Padre Alessandro Babuin è il parroco della chiesa Maria Regina della Pace nel quartiere Barriera di Milano, una delle più importanti piazze di spaccio di Torino

Qualche giorno fa ha aiutato la polizia a recuperare una decina di ovuli di cocaina che uno spacciatore senegalese di 30 anni aveva buttato oltre la recinzione della chiesa Maria Regina della Pace.

SANTA MARIA PACE
AlbertoRaie I CC BY 3.0

Siamo nel quartiere Barriera di Milano, periferia di Torino, storicamente noto per lo spaccio di droga e la scarsa sicurezza. E’ qui che il parroco della chiesa in via Malone 19, padre Michele Babuin, è arrivato ad una scelta radicale e senza appello: la chiusura della chiesa prima che faccia buio per tutti i mesi invernali.

«Quando fa buio non è più sicuro, e la chiesa è grande, non posso mettere qualcuno che sorvegli. Anche i miei parrocchiani non escono dopo una certa ora», spiega padre Babuin a La Repubblica (1 febbraio), che racconta questa amara vicenda.

[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m18!1m12!1m3!1d2816.8234649043593!2d7.690593715544958!3d45.08937287909836!2m3!1f0!2f0!3f0!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x47886d8fd1b35da9%3A0x85bb8652b9ff235e!2sVia+Malone%2C+19%2C+10154+Torino+TO!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1517500085547&w=600&h=450%5D

Le richieste al sindaco

«Ho trovato le palline bianche per terra – evidenza il sacerdote – Era già successo l’anno scorso, ma quella volta erano involucri colorati, mio malgrado sto imparando a riconoscerle».

A settembre ne ha parlato anche con la sindaca Chiara Appendino durante un incontro con i responsabili degli oratori. «Le ho chiesto di garantire una maggiore sicurezza per i fedeli e per i ragazzi dell’oratorio, anche se so che polizia e carabinieri fanno già molto. Lei mi ha risposto che ci avrebbe pensato».

Chiusura alle 13

Da allora è cambiato poco o nulla. E così almeno fino a fine febbraio, il portone della chiesa è chiuso dalle 13, «ma apriamo la cappella che è più piccola e sempre illuminata. Mi hanno criticato per questa scelta ma non lo faccio per tenere fuori i fedeli. Faccio in modo che possano pregare in sicurezza».

Youtube
Don Alessandro Babuin

Un tempo danza e musica

Un tempo nei locali dell’oratorio di Malone c’erano molte più attività, «Ma i genitori non ci mandano più i loro figli – dice don Babuin tra l’arrabbiato e l’amareggiato – Avevamo danza e musica. Abbiamo provato anche con il teatro ma è davvero difficile. Nessuno si fida a lasciarli passeggiare da soli per la strada fino alla parrocchia, soprattutto dopo una certa ora».




Leggi anche:
La droga come emergenza nazionale

I furti

Non c’è solo lo spaccio. Anche la chiesa è stata vittima dei ladri in passato: «Hanno sradicato la cassetta delle offerte più di una volta. E rubano persino i lumini. Chissà cosa se ne fanno di borse piene di lumini, eppure li portano via tutti insieme».

Gli anziani evitano la Messa

Don Babuin ascolta i racconti dei suoi parrocchiani che filano a casa subito dopo la Messa delle 18: «Ormai ho smesso di organizzare incontri dopo cena perché so che non verrebbe nessuno – dice – Spacciano anche qui, vicino alla chiesa, magari non davanti al portone ma comunque vicino». Resistono solo i corsi prematrimoniali: «I ragazzi giovani si fanno meno problemi ma una gran parte dei miei parrocchiani ha una certa età».




Leggi anche:
Parroco di 97 anni aggredito in chiesa e preso a sputi

Tags:
chiesadrogasicurezzatorino
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
4
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
DIAKON
Arcidiocesi di San Paolo
Perché un pezzo di Ostia consacrata viene collocato nel calice?
7
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni