Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

9 modi in cui i non cattolici stanno combattendo la contraccezione

©IAN HOOTON/SPL
Condividi

Essere contrari alla pillola (e ad altre forme di contraccezione artificiale) non riguarda più solo i cattolici

Al Benedictine College stiamo organizzando un simposio per celebrare il 50° anniversario dell’enciclica Humanae vitae.

Mentre preparavamo la conferenza ho scoperto un intero mondo di persone che si oppongono alla contraccezione. Ecco alcune ragioni non religiose per le quali le donne sono sempre più contro la pillola.

Primo: Le donne parlano degli effetti collaterali della pillola

In un video non family-friendly di Crack’d intitolato “Se le pubblicità sul controllo delle nascite fossero oneste”, una donna spiega a cosa porta la contraccezione.

“La pillola è fantastica”, dice con entusiasmo. “Ha effetti collaterali come acquisto di peso, nausea, depressione, emicranie che potrebbero indicare un cancro o mancanza di desiderio sessuale, e quindi non si trarrà mai piacere dal sesso”.

La donna prosegue descrivendo cosa fanno anche dispositivi come quelli intrauterini, diaframmi eccetera, tralasciandone però uno…

Secondo: Il collegamento tra contraccezione e cancro al seno è ormai chiaro

Man mano che sempre più fonti di informazione riconoscono il collegamento tra controllo delle nascite e tumore al seno, le donne chiedono perché non sia stato detto loro prima.

“È il momento di riesaminare i contraccettivi ormonali e di ricordare ai medici che dovrebbero discutere rischi e benefici dei farmaci prima di prescriverli”, ha affermato un medico alla rivista Time.

Terzo: Molti evidenziano il legame tra contraccezione e depressione

Sappiamo che la contraccezione porta anche alla depressione, e le persone condividono sempre più le proprie storie al riguardo.

A peggiorare le cose, scrive Sindha Agha, “mi sono imbattuta nel titolo ‘Studio sul controllo maschile delle nascite cancellato per una serie di effetti collaterali’. Il 3% dei partecipanti ha riportato la depressione come effetto collaterale. La citazione di un professore di Biologia sul New York Times mi ha fatto venire i brividi: ‘Il 20 o 30% delle donne che assumono la pillola orale per il controllo delle nascite sperimenta depressione e deve prendere dei farmaci per curarla…’ Se fossi stata un ragazzo si sarebbero comportati nello stesso modo?”

Quarto: La contraccezione è stata collegata al suicidio

Il rischio di depressione, riferisce la rivista Time, include il suicidio, come spiega l’American Journal of Psychiatry.

“Il rischio assoluto di suicidio associato ai contraccettivi ormonali è ancora estremamente basso”, si legge sul Time, ma quando i ricercatori danesi hanno studiato i decessi nel loro studio hanno verificato che “tra le donne che usavano contraccettivi ormonali o li avevano usati di recente il rischio di tentato suicidio era quasi il doppio rispetto alle donne che non avevano mai assunto contraccettivi. Il rischio di suicidio era triplo”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni