Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Chiesa

Papa Francesco: doppia vita per i pastori è ferita nella Chiesa

Vatican Pope DIPLOMACY

ANDREW MEDICHINI / POOL / AFP

Vatican News - pubblicato il 09/01/18

Così il pontefice durante l'omelia di oggi a Casa Santa Marta

Commozione, vicinanza, coerenza. Questi i caratteri del pastore e della sua “autorità”, nelle parole del Papa alla Messa mattutina a Casa Santa Marta. Commentando l’odierno Vangelo di Marco dedicato a Gesù che insegnava “come uno che ha autorità”, Francesco spiega che si tratta di un “insegnamento nuovo”: la “novità” di Cristo è proprio il “dono dell’autorità” ricevuto dal Padre. Di fronte agli insegnamenti degli scribi, dei dottori della legge, che pure “dicevano la verità”, evidenzia il Pontefice, la gente “pensava a un’altra cosa”, perché quello che dicevano “non arrivava al cuore”: insegnavano “dalla cattedra e non si interessavano alla gente”. Invece, aggiunge Francesco, “l’insegnamento di Gesù provoca lo stupore, movimento al cuore”, perché ciò che “dà autorità” è proprio la vicinanza e Gesù “aveva autorità perché si avvicinava alla gente”, capendo problemi, dolori e peccati.

Perché era vicino, capiva; ma, accoglieva, guariva e insegnava con vicinanza. Quello che a un pastore dà autorità o risveglia l’autorità che è data dal Padre, è la vicinanza: vicinanza a Dio nella preghiera – un pastore che non prega, un pastore che non cerca Dio ha perso parte – e la vicinanza alla gente. Il pastore staccato dalla gente non arriva alla gente con il messaggio. Vicinanza, questa doppia vicinanza. Questa è l’unzione del pastore che si commuove davanti al dono di Dio nella preghiera, e si può commuovere davanti ai peccati, al problema, alle malattie della gente: lascia commuovere il pastore.

Gli scribi, prosegue il Pontefice, avevano perso la “capacità” di commuoversi proprio perché “non erano vicini né alla gente né a Dio”. E quando si perde tale vicinanza, evidenzia il Papa, il pastore finisce “nell’incoerenza di vita”.

Gesù è chiaro in questo: “Fate quello che dicono” – dicono la verità – “ma non quello che fanno”. La doppia vita. E’ brutto vedere pastori di doppia vita: è una ferita nella Chiesa. I pastori ammalati, che hanno perso l’autorità e vanno avanti in questa doppia vita. Ci sono tanti modi diportare avanti la doppia vita: ma è doppia … E Gesù è molto forte con loro. Non solo dice alla gente di ascoltarli ma non fare quello che fanno, ma a loro cosa dice? “Ma voi siete sepolcri imbiancati”: bellissimi nella dottrina, da fuori. Ma dentro, putredine. Questa è la fine del pastore che non ha vicinanza con Dio nella preghiera e con la gente nella compassione.

Francesco cita la Prima Lettura e ripropone le figure di Anna, che prega il Signore di avere un figlio maschio, e del sacerdote, il “vecchio Eli”, che “era un debole, aveva perso la vicinanza, a Dio e alla gente”: aveva ritenuto Anna un’ubriaca. Ella invece stava pregando nel suo cuore, muovendo soltanto le labbra. Fu lei a spiegare ad Eli di essere “amareggiata” e che a parlare era stato “l’eccesso” del proprio “dolore” e della propria “angoscia”. E mentre lei parlava, Eli fu “capace di avvicinarsi a quel cuore”, fino a dirle di andare in pace: “il Dio di Israele ti conceda quello che gli hai chiesto”. Si rese conto, osserva il Papa, “di avere sbagliato” facendo uscire dal suo cuore “la benedizione e la profezia”, perché poi Anna partorì Samuele.

Io dirò ai pastori che hanno vissuto la vita staccati da Dio e dal popolo, dalla gente: “Ma, non perdere la speranza. Sempre c’è la possibilità. A questo è stato sufficiente guardare, avvicinarsi a una donna, ascoltarla e risvegliare l’autorità per benedire e profetizzare; quella profezia è stata fatta e il figlio alla donna è venuto”. L’autorità: l’autorità, dono di Dio. Solo viene da Lui. E Gesù la dà ai suoi. Autorità nel parlare, che viene dalla vicinanza con Dio e con la gente, sempre tutti e due insieme. Autorità che è coerenza, non doppia vita. E’ autorità, e se un pastore la perde almeno non perda la speranza, come Eli: sempre c’è tempo di avvicinarsi e risvegliare l’autorità e la profezia.

QUI L’ORIGINALE

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
omelia santa martapapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni