Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Agosto |
Sant'Alfonso Maria de' Liguori
home iconChiesa
line break icon

L’indiano Alce Nero era davvero un cattolico convinto o fingeva?

BLACK ELK

Elliott & Fry - Public domain

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 02/01/18

Presto sarà beato. Ma una sua nipote nega la fede. La diocesi la smentisce. Vediamo chi ha ragione

Figlio di uno sciamano e nipote di Cavallo Pazzo, nato intorno al 1863 in quello che oggi si chiama Wyoming, l’indiano Alce Nero potrebbe diventare il primo nativo americano a diventare santo (Today.it, 29 dicembre 2016).

La notizia non è nuova. I vescovi statunitensi nell’ultima conferenza a Baltimora hanno già dato il via al processo di beatificazione del leggendario guerriero e capo Sioux, nato tra il 1858 e il 1866 e morto il 19 agosto 1950 a Pine Ridge, che si convertì al cristianesimo e spinse numerosi indiani a seguirlo.

Il 21 ottobre scorso nella chiesa del Santo Rosario di Pine Ridge (diocesi di Rapid City, Wyoming) la Messa solenne per aprire formalmente la causa di canonizzazione di Alce Nero (Aleteia, 6 novembre).

Ma in questi giorni il suo nome è salito agli onore delle cronache perché un articolo uscito sulla rivista americana New Yorker (26 dicembre 2017) sostiene che Alce Nero non era un cattolico convinto.

“Rifiutava il battesimo”

Il giornalista Ian Frazier racconta di aver parlato con una bisnipote di Alce Nero, Charlotte Black Elk, che ha detto:

«Era un uomo santo e famoso prima che arrivassero i cattolici e lo rimase anche dopo. Nella nostra famiglia ci sono diverse storie sui cattolici che cercavano di battezzarlo, lui che si nascondeva sotto un letto e un prete che gli versava addosso un secchio d’acqua e lo proclamava battezzato. All’inizio il bisnonno pensava di essere un santo adulto e che Gesù bambino fosse il suo fratellino adottato. Non credo che il bisnonno sia mai stato un vero cattolico».

  • 1
  • 2
Tags:
beatocristianesimoiter beatificazionesiouxtestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni