Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il “miracolo di Natale” renderà santo Paolo VI. La piccola Amanda è nata per “sua intercessione”

Adcirinic
Condividi

La bambina, a rischio di vita durante la gravidanza, venne alla luce il 25 dicembre 2014. La commissione ha accertato l’inspiegabilità dell’evento. Canonizzazione nel 2018

Papa Paolo VI presto santo. La notizia è stata ufficializzata dalla Diocesi di Brescia.

La Congregazione per le Cause dei Santi ha fatto esaminare da una commissione apposita che lo ha ritenuto valido ai fini della canonizzazione il miracolo avvenuto “per intercessione“, relativo alla piccola Amanda: una bimba nata in condizioni drammatiche e al termine di una gravidanza durata solo 26 settimane invece delle solite 40, all’ospedale di Legnago il 25 dicembre 2014.

La madre della bambina, di origini veronesi, su consiglio di un’amica aveva pregato al Santuario delle Grazie di Brescia, luogo legato alla devozione di Giovanni Battista Montini, poi papa Paolo VI (La Repubblica, 22 dicembre).

“E’ stato approvato”

Scrive il settimanale della diocesi di Brescia La Voce del Popolo (21 dicembre). «Il miracolo attribuito all’intercessione di Giovanni Battista Montini circa la guarigione di un feto, al quinto mese della gravidanza, nel 2014 è stato approvato. La mamma in attesa, della provincia di Verona, era a rischio di aborto per una patologia che avrebbe potuto compromettere la vita del piccino e della madre, e venne a pochi giorni dalla beatificazione di Montini (19 ottobre 2014 ndr) a Brescia, al Santuario delle Grazie, per pregare il Papa. Nascerà successivamente una bambina a tutt’oggi in buona salute».

Leggi anche: Preghiera di Papa Paolo VI per credere in Dio

L’ultima speranza fu la preghiera

Nel racconto di Brescia Oggi (aprile 2016) i dettagli della vicenda della piccola miracolata:

La storia di Amanda incomincia nella primavera 2014. Poi le prime preoccupazioni, che via diventano pesi enormi da portare. Il rischio, dicono i medici, è che il feto non sopravviva e che possa causare danni irreparabili anche alla salute della mamma.

Qualcuno paventa l’interruzione anticipata della gravidanza come unico rimedio; nessun medico o è in grado di offrire alla mamma anche solo un barlume di speranza.

Una conoscente, invece, parla alla madre di Paolo VI, indicandolo come «il papa che guarisce i bimbi non ancora nati». Forte di quella «nuova speranza». La puerpera raggiunge Brescia e si reca a pregare davanti alla reliquia di Paolo VI custodita nel Santuario della Madonna delle Grazie. Torna a Verona con l’immagine di Paolo VI stretta al cuore e con una manciata supplementare di lacrime, ma anche più che mai convinta a non arrendersi.

Amanda venne al mondo a Natale e iniziò la sua avventura stupendo la scienza e regalando sorrisi e speranze ai genitori e ai tanti che avevano creduto nella sicura vittoria della vita. «Questa nascita non si spiega coi normali canoni della scienza», dissero allora i medici. Per tutti i semplici e devoti che avevano pregato e sperato, invece, Amanda era il «miracolo» del beato Paolo VI.

Leggi anche: Paolo VI, una eredità da riscoprire

La parola a vescovi e cardinali

Il parere favorevole delle consulte medica e teologica attorno a questo miracolo rappresenta un’ulteriore tappa verso la prossima canonizzazione del Papa del Concilio Vaticano II, vissuto tra il 1897 e il 1978.

Ora la guarigione inspiegabile sarà al vaglio della Sessione ordinaria dei cardinali e dei vescovi. I passaggi successivi saranno il via libero definitivo di papa Francesco e il Concistoro con l’annuncio ufficiale della canonizzazione e la definizione della data.

Giugno o durante il Sinodo?

Tra le ipotesi più accreditate vi sono per ora allo studio una domenica di giugno (a 50 anni dalla pubblicazione del Credo del Popolo di Dio da parte di Paolo VI) o con maggiore probabilità ad ottobre durante la celebrazione del Sinodo dei vescovi dedicato ai giovani (3-28 ottobre) (Avvenire, 21 dicembre).

Leggi anche: 1970: il tentato assassinio di Paolo VI

Un miracolo simile per la beatificazione

Va ricordato che già il processo per la beatificazione di Paolo VI si era sbloccato dopo aver accertato l’intercessione del pontefice per la nascita straordinaria di un bambino, nel 2001, in California.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.