Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il canto natalizio con cui un bambino si è risvegliato dal coma

Condividi

È sopravvissuto a una caduta dal 9° piano, 27 metri di altezza. I medici non sanno spiegarselo

La sua vita è un miracolo. Non si sa come Martín, a 3 anni (oggi 4), sia sopravvissuto nel giugno scorso a una caduta da 27 metri di altezza. Né la medicina né la logica sono in grado di dare una risposta. Restano gli aneddoti e la testimonianza di un bambino allegro e molto forte.

Il 7 giugno Martín è uscito sul balcone della sua abitazione di Tucumán, in Argentina, è salito sulla ringhiera ed è caduto in un cortile interno dell’edificio. Qualsiasi genitore può immaginare l’angoscia indescrivibile nel vedere che quel corpicino che giace a terra è quello del proprio figlio. Il padre Máximo, ha detto la mamma Florencia, ha agito in modo rapido e freddo. Lei era al lavoro, ha ricordato al quotidiano Clarín in un’intervista. “Penso che io mi sarei buttata dal balcone dietro a mio figlio”.

Il bambino non ha riportato fratture nonostante la caduta ed è stato subito ricoverato. Ha subìto contusioni e alcune lesioni potenzialmente gravi ed è rimasto in coma farmacologico, iniziando ad aprire gli occhi mentre la mamma gli cantava la canzone che gli sussurrava fin da piccolo: “La Vergine cammina, va verso Betlemme, visto che il cammino è tanto lungo al Bambino è venuta sete”.

Si tratta di una strofa del canto natalizio La Virgen del Naranjel o La Virgen y el Ciego, molto popolare nel Nord dell’Argentina. Ecco il testo completo (con alcune variazioni in base alla versione):

La Vergine cammina,
Va verso Betlemme,
Visto che il cammino è tanto lungo
Al Bambino è venuta sete.
Non chiedere acqua, vita mia,
Non chiedere acqua, tesoro mio,
Che lì dove andiamo c’è un dolce aranceto.
Il padrone di quelle arance
È un cieco e non vede nulla.
“Cieco, dammi delle arance
Per darla al Bambino”.
“Venga, signora, e prenda
Quelle che le servono”.
Visto che la Vergine non è alta
Ne ha prese solo tre.
Una l’ha data al suo Bambino, un’altra a San Giuseppe
E l’altra le è rimasta in mano
Per intrattenere il bambino.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.