Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il canto natalizio con cui un bambino si è risvegliato dal coma

Condividi

È sopravvissuto a una caduta dal 9° piano, 27 metri di altezza. I medici non sanno spiegarselo

La sua vita è un miracolo. Non si sa come Martín, a 3 anni (oggi 4), sia sopravvissuto nel giugno scorso a una caduta da 27 metri di altezza. Né la medicina né la logica sono in grado di dare una risposta. Restano gli aneddoti e la testimonianza di un bambino allegro e molto forte.

Il 7 giugno Martín è uscito sul balcone della sua abitazione di Tucumán, in Argentina, è salito sulla ringhiera ed è caduto in un cortile interno dell’edificio. Qualsiasi genitore può immaginare l’angoscia indescrivibile nel vedere che quel corpicino che giace a terra è quello del proprio figlio. Il padre Máximo, ha detto la mamma Florencia, ha agito in modo rapido e freddo. Lei era al lavoro, ha ricordato al quotidiano Clarín in un’intervista. “Penso che io mi sarei buttata dal balcone dietro a mio figlio”.

Il bambino non ha riportato fratture nonostante la caduta ed è stato subito ricoverato. Ha subìto contusioni e alcune lesioni potenzialmente gravi ed è rimasto in coma farmacologico, iniziando ad aprire gli occhi mentre la mamma gli cantava la canzone che gli sussurrava fin da piccolo: “La Vergine cammina, va verso Betlemme, visto che il cammino è tanto lungo al Bambino è venuta sete”.

Si tratta di una strofa del canto natalizio La Virgen del Naranjel o La Virgen y el Ciego, molto popolare nel Nord dell’Argentina. Ecco il testo completo (con alcune variazioni in base alla versione):

La Vergine cammina,
Va verso Betlemme,
Visto che il cammino è tanto lungo
Al Bambino è venuta sete.
Non chiedere acqua, vita mia,
Non chiedere acqua, tesoro mio,
Che lì dove andiamo c’è un dolce aranceto.
Il padrone di quelle arance
È un cieco e non vede nulla.
“Cieco, dammi delle arance
Per darla al Bambino”.
“Venga, signora, e prenda
Quelle che le servono”.
Visto che la Vergine non è alta
Ne ha prese solo tre.
Una l’ha data al suo Bambino, un’altra a San Giuseppe
E l’altra le è rimasta in mano
Per intrattenere il bambino.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni