Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Marciano di Siracusa
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: guarire le ferite guidati dal “GPS” di Gesù

POPE MYANMAR

Handout / OSSERVATORE ROMANO / AFP

This handout picture taken and released by the Vatican press office (Osservatore Romano) on November 29, 2017 shows Pope Francis leading an open air mass in Yangon. Pope Francis spread a message of forgiveness in a historic open-air mass before a sea of worshippers in Yangon on on November 29, during a visit to conflict-torn Myanmar that has been framed so far by his public sidestepping of the Rohingya crisis. / AFP PHOTO / OSSERVATORE ROMANO / Handout / RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / OSSERVATORE ROMANO" - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS

Radio Vaticana - pubblicato il 29/11/17

Davanti a quasi un quarto di tutti i cattolici birmani il pontefice ha spiegato come affidarsi al Signore durante la Messa

di Alessandro di Bussolo 

Una Chiesa che conta meno di 700 mila fedeli e ne chiama davanti al successore di Pietro più di 150 mila, arrivati anche dalle montagne del Myanmar e pure a piedi, è una Chiesa viva, capace anche di solidarietà verso un gran numero di persone, senza distinzione di religione o di etnia, che può aiutare questo paese martoriato da conflitti etnici non ancora risolti a trovare la via della guarigione.

Alla Messa, la prima in Myanmar, nel grande parco Kyaikkasan di Yangon, in una calda e umida mattinata del Sud est asiatico, Papa Francesco ha salutato i birmani con il loro augurale benvenuto, “Min gla ba”, e subito ha ricordato che in Gesù crocifisso troviamo una sicura bussola, che può guidare la nostra vita con la luce che proviene da Dio. E nelle sue ferite possiamo trovare la fonte di ogni cura.

“So che molti in Myanmar portano le ferite della violenza, sia visibili che invisibili. La tentazione è di rispondere a queste lesioni con una sapienza mondana che, come quella del re nella prima Lettura, è profondamente viziata. Pensiamo che la cura possa venire dalla rabbia e dalla vendetta. Tuttavia la via della vendetta non è la via di Gesù”

La “via di Gesù”, ha sottolineato il Papa, è radicalmente differente, perché “quando l’odio e il rifiuto lo condussero alla passione e alla morte, Egli rispose con il perdono e la compassione”. Quindi nel dono dell’Eucaristia impariamo come trovare riposo nelle ferite di Cristo, e là essere purificati da tutte le nostre vie distorte che tentiamo in risposta alla violenza subita. Nelle ferite di Cristo, è stato l’augurio di Francesco ai cattolici birmani, possiate assaporare il “balsamo” della misericordia del Padre e trovare la forza di portarlo agli altri, per ungere ogni memoria dolorosa.

“So che la Chiesa in Myanmar sta già facendo molto per portare il balsamo risanante della misericordia di Dio agli altri, specialmente ai più bisognosi. Vi sono chiari segni che, anche con mezzi assai limitati, molte comunità proclamano il Vangelo ad altre minoranze tribali, senza mai forzare o costringere, ma sempre invitando e accogliendo”.

La Chiesa viva che è in Myanmar aiuta poveri e sofferenti di ogni religione ed etnia attraverso il Catholic Karuna Myanmar, la Caritas locale, e Gesù, ha concluso il Papa, “premierà i vostri sforzi di seminare semi di guarigione e riconciliazione nelle vostre famiglie, comunità e in tutta la società di questa nazione”.

“Il suo messaggio di perdono e misericordia si serve di una logica che non tutti vorranno comprendere, e che incontrerà ostacoli. Tuttavia il suo amore, rivelato sulla croce è, in definitiva, inarrestabile. È come un ‘GPS spirituale’ che ci guida infallibilmente verso la vita intima di Dio e il cuore del nostro prossimo”.

QUI L’ORIGINALE

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
myanmaromeliapapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni