Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 09 Dicembre |
San Juan Diego Cuauhtlatoatzin
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Paura del confronto? Dritte per i timidi su come avanzare un reclamo

web3-women-fight-conflict-argument-cold-scarf-sisters-friends-shutterstock

Shutterstock

Anna O'Neil - pubblicato il 22/11/17

Perché l'amore e la verità sono inseparabili

Alcuni amano una bella discussione, ma io farei di tutto pur di non dover dire a qualcuno: “Ehi, hai superato il limite”. Mi fa paura. Indipendentemente da quanto sia forte la tentazione di ignorare certi problemi, a volte bisogna dire a qualcuno che ci ha fatto del male, anche quando sappiamo che non lo vuole sentire.

Vorrei che amare significasse non far mai arrabbiare o non ferire mai qualcuno, ma l’amore e la verità sono inseparabili, e questo vuol dire che a volte la cosa migliore da fare è essere coraggiosi e affrontare la discussione. È l’unico modo per risolvere alcuni problemi. Se il vostro obiettivo è fare la pace, proteggervi o guarire anziché solo dar sfogo ai vostri sentimenti, ecco qualche suggerimento per rendere la conversazione produttiva:

Rimanere in argomento

Non gettatevi in una discussione diversa da quella in esame. È comune sentire “Mi hai ferito” e voler rispondere con accuse che esulano dalla questione di cui si parla. Evitatelo, altrimenti la conversazione finisce per andare in mille direzioni diverse, e nessuno di voi sarà in grado di ricordare quale fosse il punto principale. Non vi fate abbindolare e convincere a dire più di quello che volevate.

Scegliete un buon momento…

per avviare la conversazione, auspicabilmente quando nessuno dei due sia stressato o distratto, ma non aspettate troppo. È meglio tirar fuori la questione al momento sbagliato che non farlo affatto.




Leggi anche:
Sei introverso? Ecco come essere sicuro di te nelle occasioni sociali

Attenetevi a ciò che sapete davvero

Ciò vuol dire non fare supposizioni, neanche quelle che sapete sono vere. Potete sapere cos’ha fatto davvero la persona, ma non è lo stesso che sapere perché lo ha fatto. Inframmezzare la conversazione con dichiarazioni che iniziano con “Sento” vi fa essere sicuri che tutto ciò che state dicendo sia giusto, perché siete l’unica persona che sa davvero come vi sentite. La persona con cui state parlando non starà tanto sulla difensiva se non sente di dovervi correggere.

Siate specifici

Anche se non avete torto, nessuno sa come rispondere a “Sei sempre così scortese”, o “Non mi tratti bene”. È troppo vago. Usate esempi relativi ai comportamenti che vi feriscono, e ricordate che non state cercando di ferire a vostra volta; state cercando di spiegare qualcosa di importante.

Tenete sempre presente il vostro obiettivo ultimo

Il motivo per cui state parlando è che sperate che qualcosa cambi – forse che il vostro interlocutore capisca qualcosa di nuovo su di voi, vi tratti con più rispetto o modifichi un comportamento che per voi supera i limiti. Forse volete solo delle scuse.

Non dovete dire per forza le vostre ragioni

Se dovete lanciare un ultimatum come “Ho deciso di non farti più fare la baby-sitter ai miei figli” o “Lascio questo gruppo” o perfino “Voglio rompere con te”, non siete obbligati a spiegare perché.

Potete sicuramente farlo se lo volete, ma non è necessario. Se non vi sentite a vostro agio nel fornire spiegazioni o non volete rischiare che la conversazione degeneri, avete tutto il diritto di dire “Ho preso la mia decisione” se finirla lì.

Sappiate quando porre fine alla conversazione

Non dovete a nessuno neanche il vostro tempo, anche se siete stati voi ad avviare la conversazione. Se la persona ha chiarito di non essere interessata ad ascoltarvi o sta usando la conversazione come una scusa per attaccarvi o farvi impazzire, non dovete andare avanti. Se è chiaro che la conversazione è diventata qualcosa di improduttivo o insicuro, la cosa migliore da fare è lasciar perdere.




Leggi anche:
La forza disarmante della timidezza

Non è sbagliato affrontare delle discussioni. Richiede vero coraggio, soprattutto se non ci siete abituati, ma con la pratica diventa più semplice, come tutto. E anche se auspicabilmente non diventerà un’abilità che dovrete usare per tutto il tempo, potreste essere sorpresi da quanto vi renderà felici, quando accadrà, esservi fatti giustizia e dire ciò che dovevate dire.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
conversazionerelazioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni