Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Rappresentare i disturbi mentali con un disegno

Condividi

L’artista Shawn Coss ci aiuta a capire come si sentono le persone con malattie o fobie gravi con alcuni intensi tratti di pennino

Le malattie mentali spesso sono incomprensibili a chi non ne è affetto o ai loro cari, riuscire a darne una rappresentazione dunque è tutto tranne che semplice, ma l’artista americano Shawn Coss ha avuto il coraggio di mettere su carta la brutalità di situazioni e pensieri spesso incomunicabili, disegnando delle vignette per illustrare una serie di malattie mentali, senza nasconderne minimamente la gravità e la sofferenza che esse causano. Questo percorso artistico rientra nell’Inktober Initiative, un progetto a cui partecipano disegnatori di tutto il mondo. Ciascun artista che segue questa iniziativa ha dovuto impegnarsi, nel mese di ottobre, a fare un disegno al giorno, per poi pubblicarli online con l’hashtag #Inktober (HuffPost).

Anoressia nervosa

Uno dei disturbi alimentari più diffusi. Il corpo asciutto, le ossa spigolose. Il fisico magrissimo è inseguito da un’ombra grassa, che lo perseguita come una nuvola.

Insonnia

Il disturbo di chi non riesce a dormire nonostante il corpo ne abbia bisogno. Una vignetta di una persona con gli occhi secchi, sgranati, che fissano il vuoto, nel panico, stringendo le lenzuola.

Disturbo ossessivo compulsivo

Un disordine psichiatrico caratterizzato da pensieri ricorrenti associati a piccoli rituali da compiere, finalizzati a neutralizzare l’ossessione. “Pulire, pulire pulire”, sono le parole con cui il disegnatore descrive la disperazione di un corpo che si sfrega senza accorgersi di essersi tolto anche la pelle.

Sindrome di Cotard

Una sindrome psichiatrica caratterizzata dalla convinzione di essere morti, dall’idea di aver perso il proprio sangue o gli organi vitali. Lo sguardo immobile di una donna con le braccia staccate dal corpo. Le sue mani si rivoltano conto di lei, le toccano le spalle.

Disturbo bipolare

Consiste nell’alternanza fra le due condizioni contro-polari dell’attività psichica. Non ci sono parole: da un corpo nasce un altro corpo. Gli rimane attaccato e si ribella. Non guardano nella stessa direzione.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni