Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Si può amare il figlio di chi ha violentato tua moglie? Una testimonianza toccante

JEFF
Condividi

“Questi bambini sono un'opportunità unica di redenzione. Sono il cammino di guarigione e una risposta all'incubo”

Il sito Religión en Libertad ha raccolto qualche settimana fa la testimonianza di Jennifer Christie, rimasta incinta dopo essere stata vittima di uno stupratore seriale e che in un articolo ha denunciato, anche con il nome e il volto di altre donne che si sono trovate nella sua stessa situazione, chi vuole usare la tragedia dello stupro per legalizzare l’aborto, mettendo, come dice lei, ai bambini un bersaglio sulla schiena.

Anche il marito di Jennifer, Jeff, ha voluto offrire la sua testimonianza. “Io non sono rimasto ‘incinto’ a causa dello stupro, ma mia moglie sì… e ho la mia opinione al riguardo”, intitola il blog Save the 1.

JENNIFER CHRISTIE
salvarel1.blogspot.com.ar

Jennifer Christie insieme al marito Jeff, autore di queste riflessioni.

Capisco perfettamente le donne quando dicono che gli uomini non possono dire nulla quando una gravidanza deriva da uno stupro. A volte c’è una parte di verità in questa affermazione, ma quando questo è capitato a mia moglie – con la quale sono sposato da 22 anni –, quando è stata brutalmente violentata e picchiata, tutto questo ha influito profondamente e in modo molto intimo anche su di me.

Il nostro splendido bambino di tre anni è stato concepito in quel terribile atto di malvagità, ma è stato un regalo meraviglioso per entrambi che ci ha aiutati a superarlo giorno dopo giorno.

Ho letto molti commenti e ho sentito svariate opinioni. Sono d’accordo sul fatto che non si può pensare o sentire cosa accade in una situazione simile a meno che non lo si sperimenti sulla propria pelle. È una realtà terribile e crudele con cui convivo. Sono consapevole di non poter eliminare il trauma che ha subito mia moglie per quanto ci provi. Riconosco che non posso capire né sarò mai in grado di capire la profondità del suo dolore.

Neanche lei comprenderà il mio. Si suppone che io sia colui che la protegge. Io sono quello che davanti alla nostra famiglia e ai nostri amici ha detto “… nel bene e nel male”, ho promesso di proteggere la sicurezza del suo corpo e del suo cuore. E allora dov’ero quando lei aveva più bisogno di me? Vivo con questo dolore e non smetto di chiedermi: “Che sarebbe successo se…”, e “Perché io non…?” Questi pensieri mi accompagnano sempre.

Prima che lo notasse chiunque altro, ho capito che quella donna che conoscevo da quando avevamo 14 anni e che era una ragazza gioviale, estroversa, il cui brio faceva ridere tutti non sarebbe stata mai più la stessa persona. Ho capito anche che quel piccolo, nostro figlio, non aveva alcuna colpa dell’orrore per cui era passata la madre.

Sapevo che mia moglie non avrebbe mai dimenticato l’atrocità che ha subito, che fosse nato o meno quel bambino innocente. È di un’ignoranza arrogante dire cose come: “Con un bambino, la vittima di una violenza deve vivere costantemente con il ricordo di quello che le ha fatto un mostro”. Lei non ha bisogno di un promemoria. La violenza resterà per sempre impressa nella sua memoria, con o senza il bambino.

Perché… i bambini concepiti in violenze terribili sono “promemoria”? Da parte mia, posso raccontare la mia esperienza personale.

Quei bambini sono un’opportunità unica di redenzione. Sono la via della guarigione e una risposta all’incubo di una crudeltà enorme. Isaia 61, 3 dice che Egli conforterà chi si lamenta e gli concederà “una corona invece della cenere, olio di letizia invece dell’abito da lutto, veste di lode invece di uno spirito mesto”.

Mia moglie ama dire che nostro figlio le ha dato speranza, un proposito nella vita, quella fiamma d’amore che brillava nel suo cuore, e ho capito che senza quel bambino, nato con la violenza, senza quell’anima pura da proteggere e nutrire si sarebbe per sempre sentita sola nel suo vittimismo. Per tutta la sua vita si sarebbe chiesta perché ha dovuto subire quella tragedia, una creatura amata da Dio. Quello stupratore malvagio ha lasciato non una, ma due vittime dietro di sé: la donna oltraggiata e la vita concepita con la sua azione criminale.

Devo fare una confessione definitiva: anch’io ho iniziato a guarire con la notizia del concepimento di nostro figlio, e dico “nostro figlio” perché la mia amata sposa e io siamo un’anima sola. Se lei è incinta, allora NOI stiamo aspettando un bambino.

Ho trascorso le prime settimane dopo lo stupro essendo il baluardo e la fortezza di cui mia moglie aveva bisogno, distruggendomi le nocche mentre colpivo con rabbia il bordo del lavabo. Nei due decenni del nostro matrimonio non avevo mai messo in discussione il mio ruolo di sposo protettore, ma in quel momento mi sono sentito angosciato. Non riuscivo a resistere all’idea di ritenermi responsabile dell’accaduro e di non averla potuta proteggere.

Non cerco di paragonare la mia esperienza con il suo tormento, ma ritengo mio dovere parlare a nome di quegli uomini che in qualche modo si sono visti coinvolti nell’assalto sessuale subito dalla donna che amano. Siamo feriti. Il danno collaterale è enorme.

Ma il bambino…

Pagine: 1 2

Tags:
stupro
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni