Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

Cosa fa la Chiesa di fronte al conflitto indipendentista in Catalogna?

PATRICK HERTZOG I AFP

Alfa y Omega - pubblicato il 03/11/17

Una Chiesa che riconcilia

La maggior parte delle istanze ecclesiali in Catalogna stanno inviando di fronte alla situazione attuale un messaggio basato sulla necessità di incontro, dialogo e riconciliazione tra le persone in un momento di grande rottura sociale. Lo ha fatto anche il cardinal Omella, e si constata in progetti come quello avviato dalla chiesa di Santa Anna, con azioni di presa di coscienza, gruppi di ascolto e preghiere condivise.

Una Chiesa vicina alla sofferenza delle persone, che condivide la strada e aiuta a cicatrizzare le ferite è il modello di presenza che il cardinale arcivescovo di Barcellona, Juan José Omella, ha stabilito a Barcellona in questi ultimi due mesi, nei quali è culminato il cosiddetto “processo” catalano, che ha avuto come ultimo episodio la Dichiarazione Unilaterale di Indipendenza e l’applicazione dell’articolo 155, con il controllo dell’autonomia da parte dello Stato.

La sua prima reazione si è prodotta da Roma, dove il porporato partecipava a un congresso sul futuro dell’Unione Europea: “In questo momento, come pastore di Barcellona, condivido il dolore e la sofferenza della gente. Il mio cuore piange con lei. Desidero e chiedo al Signore che ci aiuti a evitare il confronto e a costruire un futuro in pace. Dopo due anni alla guida della diocesi di Barcellona posso dire che amo profondamente Barcellona e la Catalogna. La gente è meravigliosa. E amo anche la Spagna e l’Europa a cui apparteniamo, dove da giovane ho ricevuto la mia formazione, in Francia e in Belgio”.

Il cardinale ha visto in varie occasioni Papa Francesco nel contesto dell’incontro sull’Europa e in un evento di Scholas Occurrentes, che ha organizzato di recente una delle sue attività a Tarragona.

In questo contesto, il cardinal Omella ha sottolineato che il Papa ha parlato di convivenza, quella che Scholas promuove tra “scuola privata e pubblica, tra migranti e nativi, tra tutte le razze”, e che è anche una goccia di speranza per il futuro della Catalogna. Il porporato crede che sia molto bello che istituzioni come Scholas Occurrentes creino legami di fraternità, comunione e incontro, e la considera anche “una risposta alla situazione attuale” della Catalogna. “La scommessa sul futuro viaggia su questa linea: incontro e dialogo”, ha aggiunto.

Al suo ritorno da Roma, in una conversazione con Alfa y Omega, il porporato ha ribadito che l’atteggiamento della Chiesa in questo momento dev’essere di vicinanza, condivisione e accompagnamento della gente, perché “ci sono sofferenza e inquietudine”.

“Bisogna recuperare un cammino di speranza nella fraternità, un lavoro che deve compiere tutta la società, e anche la Chiesa, perché nella nostra terra c’è posto per tutti e la Catalogna è sempre stata una terra accogliente, con gente venuta dall’Estremadura, dall’Aragona o dall’Andalusia e che ha aiutato a costruire un luogo prospero e pieno di speranza”.

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
chiesaindipendenza
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni