Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

In una nuova foto, Papa Benedetto XVI ha un occhio nero

BENEDIKT
Condividi

Un vescovo tedesco ha riferito che è caduto una settimana fa ma sta bene e intrattiene i suoi ospiti

Nelle scorse settimane si sono diffuse false voci sul fatto che la salute di Benedetto XVI fosse in condizioni critiche. Le dicerie sono state messe a tacere dal Vaticano, in particolare con una fotografia twittata il 18 ottobre dal direttore della Sala Stampa vaticana, Greg Burke, che mostrava il Papa in piedi con alcuni ospiti (vedi sotto).

Dopo quell’occasione, però, il Papa emerito 90enne è caduto provocandosi un occhio nero, come mostrano le immagini di Facebook pubblicate dal vescovo Stefan Oster di Passau (Germania).

Il vescovo ha fatto visita a Papa Benedetto giovedì 26 ottobre insieme al giornalista Peter Seewald, autore di vari libri-intervista al Pontefice emerito.

Gli ospiti hanno donato al Papa emerito un libro con una raccolta di testi dedicati alla sua vita e alle sue opere. Il vescovo Oster ha spiegato che Benedetto XVI aveva un livido all’occhio destro per via di una caduta in casa avvenuta una settimana fa, ma che sta bene e continua a ricevere ospiti.

“Che incontro caloroso oggi a Roma con il nostro amato Papa emerito Benedetto XVI… Anche se Papa Benedetto è caduto una settimana fa e ha un occhio nero, ci ha accolti bene, pieno di spirito e con tanti ricordi di cose piccole e grandi relativi alla gente della sua diocesi e della nostra. Manda i suoi saluti e ha benedetto tutti noi”.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni