Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 11 Maggio |
home iconStile di vita
line break icon

Come affrontare il bombardamento di informazioni nei social media?

Shutterstock

Canção Nova - pubblicato il 13/10/17

Mal di testa, stress e malumore, che appaiono in modo repentino, possono essere associati a questa realtà informativa

Di Ioná Piva

Ho sentito spesso amici e parenti dire che si sono “presi una pausa dalle reti sociali”. Si sono stancati di gestire la vita reale più quella virtuale. Si sono stancati di consumare contenuti in modo frenetico e di non sapere cosa farsene.

Non capiamo quanto siamo costantemente circondati da informazioni. Gli aggiornamenti sono continui, con e-mail e immagini, mentre allo stesso tempo svolgiamo i compiti quotidiani come lavorare e studiare. Come fa il nostro cervello a sopportare questa situazione? Siamo accecati da tanti contenuti! Anziché essere aiutati ci sentiamo perduti, attoniti.

Perdiamo la concentrazione e la memoria. Ci fermiamo a un livello superficiale con scarsa capacità di interpretazione. Viviamo nell’ansia, con abitudini immediate, senza la pazienza per aspettare un solo secondo. Dati recenti mostrano che l’88% dei brasiliani guarda la televisione e naviga in Internet allo stesso tempo, secondo Ibope. Lo smartphone è il dispositivo più usato (65%), seguito da computer (28%) e tablet (8%).

Quante volte ci sentiamo ignorati durante una conversazione perché perdiamo la gara contro il cellulare? Chi è più importante, la persona che abbiamo davanti o qualcuno che ci chiama da chilometri di distanza? Conseguenze della vita moderna. Quando si riesce a tornare alla questione di cui si stava parlando si sono già perse molte cose.

E pensare che i nostri genitori e i nostri nonni sono sopravvissuti senza questa valanga di parole, e noi ci sentiamo in colpa per non riuscirci ad adeguare a questa vita! Tempi nuovi… Mal di testa, stress e malumore che compaiono in modo repentino possono essere associati a questa realtà informativa. L’aspetto più contraddittorio è che dovremmo rallegrarci, festeggiare per la diffusione delle informazioni, per il fatto che la tecnologia ci permetta di spezzare barriere fisiche e temporali, ma al contrario cadiamo in un buco oscuro in cui ci viene gettata terra sulla testa.

Cosa conservare e cosa scartare?

C’è chi se ne approfitta, cercando di accecarci ancor di più. Come strategia, queste informazioni eccessive vengono utilizzate per sviare l’attenzione da ciò che conta davvero, da questioni che potrebbero essere discusse in modo democratico nella nostra società. Si banalizza per nascondere ciò che di fatto fa la differenza.

Di fronte alle varie opzioni, cosa conservare e cosa scartare? La quantità di notizie false diffuse quotidianamente su Internet obbliga il cittadino a essere in grado di distinguere la bugia dalla verità. Lo stile giornalistico viene copiato, ma senza la minima responsabilità e il minimo impegno, generando confusione nella testa di chi legge, visto che sono coinvolti personalità politiche, cantanti, ecc.

Sta a noi cercare di stabilire una scala di priorità per non perdere tempo in sciocchezze, lasciandoci influenzare in modo negativo. Analizzare, fare un bel respiro e andare avanti può essere un’alternativa. Mettiamola in pratica!

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
social media
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
ROSES, TERESA LISIEUX
Annalisa Teggi
Novena delle rose, 5 storie di chi ha ricevuto una carezza da San...
7
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni