Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Perché l’Inferno è così terrificante?

Mercy McNab / PD
Condividi

Un fuoco eterno non è nulla se paragonato a questa immagine tormentosa

Un’immagine comune dell’Inferno ci presenta la visione di anime che ardono vive per l’eternità, ma questa immagine è solo l’inizio del motivo per il quale le nostre anime dovrebbero temere la dannazione eterna.

Una delle descrizioni più popolari dell’Inferno deriva dal Catechismo del Concilio di Trento, nel quale viene descritto come “un orribilissimo carcere, dove con inestinguibile fuoco sono tormentate le anime de’ dannati; dove regna la morte eterna colma di ogni miseria e priva di ogni bene, sì che è impossibile immaginare una pena più intollerabile e una infelicità maggiore di quella che ivi si soffre”.

Questa descrizione particolare dell’Inferno deriva probabilmente dalle parole di Gesù nel Vangelo: “Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile” (Mc 9, 43).

In termini biblici, la Geenna è il nome greco di una valle a sud-ovest di Gerusalemme. Era un luogo in cui si effettuavano sacrifici pagani, incluso il sacrificio di bambini. All’epoca di Gesù era una discarica in cui venivano continuamente bruciati i rifiuti. L’Inferno è quindi associato a un luogo di fuoco e dolore eterni.

Se il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma che l’Inferno è un luogo di “fuoco eterno”, sottolinea anche la punizione più grande di tutte:

La Chiesa nel suo insegnamento afferma l’esistenza dell’inferno e la sua eternità. Le anime di coloro che muoiono in stato di peccato mortale, dopo la morte discendono immediatamente negli inferi, dove subiscono le pene dell’inferno, « il fuoco eterno ». La pena principale dell’inferno consiste nella separazione eterna da Dio, nel quale soltanto l’uomo può avere la vita e la felicità per le quali è stato creato e alle quali aspira (CCC, n.1035).

Quando suor Lucia di Fatima ha avuto una visione dell’Inferno, ha notato come le anime soffrissero non solo grandi dolori, ma anche un’immensa “disperazione”. L’Inferno è un luogo di desolazione totale, un posto solitario che non è altro che un ammasso di peccatori.

Dante ha scritto di questo aspetto nel suo Inferno. In contrasto con un luogo di puro fuoco, lo descrive come un lago di ghiaccio. In particolare, Satana è immerso fino alla vita nel ghiaccio e piange.

Lo ’mperador del doloroso regno
da mezzo ’l petto uscìa fuor de la ghiaccia…

Con sei occhi piangea, e per tre menti
gocciava ’l pianto e sanguinosa bava. (Canto XXXIV)

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni