Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Beato Charles de Foucauld
home iconNews
line break icon

Tre donne hanno “giocato” alla ouija, e quello che è accaduto ha terrorizzato tutti

OUIJA

Shutterstock-Couperfield

Alvaro Real - Aleteia Spagnolo - pubblicato il 02/10/17

Perfino la Polizia ha constatato un fenomeno paranormale

È accaduto nel 1994 e ha avuto un’eco su tutta la stampa spagnola. Lo scenario è stato Linares, Jaén. Come ha spiegato il Diario Jaén, “due donne e una minorenne hanno partecipato a una sessione di ouija e lì è iniziato tutto”.

Il tavolo su cui giocavano ha iniziato a tremare, i quadri volavano e perfino le tende sono state strappate dalle finestre. I termosifoni non smettevano di muoversi e le donne hanno provato a uscire dall’appartamento, ma una forza glielo impediva. Terrorizzate, hanno deciso di chiamare la polizia.

© Gabriel Molina

La Policía Nacional si è recata sul posto ma non ha potuto risolvere nulla. Gli agenti sono rimasti molto colpiti da ciò che stava accadendo e non sapevano cosa fare. Hanno cercato di capire se ci fosse qualche meccanismo che faceva muovere i quadri e mandava “a gambe all’aria” tutta la casa, ma invano.




Leggi anche:
Le tavole dell’Ouija sono un’origine del male?

Hanno quindi deciso di uscire e di portare le donne in commissariato per raccogliere le loro deposizioni. Pensavano che in questo modo avrebbero posto fine a quegli strani eventi, ma sbagliavano. Al commissariato i fenomeni si sono ripetuti. A questo punto, i poliziotti si sono limitati a raccogliere le testimonianze sull’accaduto.

Secondo quanto hanno spiegato le tre donne, quel giorno hanno deciso di usare la ouija e hanno comunicato con un bambino di nome Agustín. Dopo aver parlato con lui hanno iniziato ad accadere i fatti, si sono spaventate e hanno posto fine al “gioco”.

La polizia ha cercato di rientrare nell’appartamento, ma uno degli agenti è rimasto ferito dopo che una forza soprannaturale loaveva spinto con un vigore incredibile lungo il corridoio. Uno dei poliziotti presenti è stato vari anni fuori servizio per forti conseguenze psicologiche.

Questo episodio, chiamato “caso Linama”, resterà nella storia dei fatti accaduti utilizzando la ouija. Non è stato il più eclatante né il più straordinario, ma è uno dei pochi casi per i quali esistono un’indagine e un registro. Nessuno dubita di ciò che è avvenuto lì, e anche la Polizia ha testimoniato gli insoliti fatti.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
ouija
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni