Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Meditazione sul Rosario di chi cerca lavoro

Mr Nixon | Shutterstock
Condividi

Quando si è disoccupati, questi misteri aiutano a filtrare il dolore e lo stress attraverso la sofferenza di Cristo

[Nel suo articolo sulle pratiche cristiane sul posto di lavoro, David Mills scrive di una compagnia che “di recente ha licenziato molti impiegati un lunedì mattina, dando loro 15 minuti per liberare le scrivanie prima di cacciarli dall’edificio. Un uomo lavorava in quella casa editrice da vent’anni ed è stato ricompensato in questo modo. È stato perfino peggio di quanto si pensi”. Il suo articolo mi ha fatto venire in mente questa meditazione sul Rosario per chi ha perso il proprio impiego e sta affrontando il difficile processo di trovare un nuovo lavoro. N.d.e.]

La preghiera è potente. Quando tutto crolla, la preghiera resta salda. Ciascuno di noi si può ritrovare all’improvviso fuori dal posto di lavoro, e analizzare le opportunità di impiego con una speranza che diminuisce e un crescente senso di impotenza può influire davvero sia sull’ego che sullo spirito. Ancora una volta, vediamo che i Misteri del Rosario, in questo caso i Misteri Dolorosi, ci aiutano a identificarci con Cristo e a unire le nostre sofferenze alle Sue, perché siano una cosa sola.

Primo Mistero:

Gesù nel Getsemani

Preghiera:

Signore, mi sento bloccato e abbandonato. Anche se sono circondato da persone che mi augurano ogni bene provo un senso di isolamento. Gli amici che avevano promesso il loro sostegno si stanno tirando indietro. Nessuno può sapere davvero come mi senta in questo momento; non posso mostrare alle persone quanto sia spaventato per questa strada incerta che si profila davanti a me. So solo che è una strada che non avrei scelto per me. Solo tu, Cristo, capisci come io oscilli tra la fiducia e la paura che attanaglia il cuore, tra l’“Allontana da me questo calice” e il “Sia fatta la tua volontà”.

Meditazione:

Quando recitate la decina, riflettete sulla desolazione e sulla paura di Gesù. Qui la Sua umanità eclissa la Sua divinità; la paura è in primo piano, è riconosciuta e vissuta, prima che la fiducia e la resa siano in grado di prevalere. Anche se in questo momento potete essere spaventati come mai prima d’ora, potete offrire tutto questo a Cristo. Anche Lui è stato terrorizzato. È il compagno che capisce prima che voi pronunciate una sola parola.

Pagine: 1 2 3 4 5

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.