Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Cosa posso dire a un giovane che non crede in Dio?” Risponde Papa Francesco

Condividi

Il Pontefice ha ricordato il dolore delle famiglie nell'epoca dei sicari della droga. Non manchino vocazioni in nessuna famiglia e comunità di Medellín!

“Cosa posso dire a un giovane che non crede in Dio? L’ultima cosa che bisogna fare è dirgli qualcosa”, ha affermato Papa Francesco nell’incontro con i sacerdoti, i religiosi, le religiose, i consacrati e le loro famiglie nel Centro La Macarena di Medellín il pomeriggio del 9 settembre.

“Inizia a fare”, ha continuato, “inizia a comportarti in modo tale che l’inquietudine che porta dentro lo renda curioso e ti chieda la tua testimonianza. Puoi iniziare a dire qualcosa. Questo esplorare la fede, esplorare la vita è così importante, ed è questa la vite a cui si riferisce Gesù”.

Nella seconda regione della Colombia, prima per vocazioni e invio di missionari dentro e fuori il Paese, Francesco ha parlato di una vocazione “nell’esperienza di Gesù che ci viene incontro, che ci anticipa e che in questo modo ci ha catturato il cuore”.

Il Pontefice ha lamentato che ci siano “vocazioni all’acqua di rose, come diceva mia nonna”, ma ha detto che a Medellín ce ne sono molte. “Altri non sanno se credere o meno”, ha proseguito, alludendo a quanti fanno volontariato “e lo portano (Dio) senza saperlo”.

Circa 12.000 persone gremivano il Centro la Macarena. Il Papa si è rivolto a loro dicendo “Care famiglie, cari ‘paisas‘!”, usando l’appellativo della zona di Antioquía.

Sicari della droga

Il Papa ha quindi ricordato i sicari della droga che hanno colpito la calma della città di Medellín e delle loro famiglie.

“I giovani sono naturalmente inquieti, un’inquietudine spesso distrutta, ingannata dai sicari della droga. Medellín mi ricorda questo: mi evoca tante giovani vite stroncate, scartate, distrutte”.

Ha quindi invitato a ricordare e a “chiedere perdono per coloro che hanno distrutto la speranza di tanti ragazzi, chiedere al Signore di convertire i loro cuori” e che “finisca questa sconfitta dell’umanità.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.