Aleteia

“Cosa posso dire a un giovane che non crede in Dio?” Risponde Papa Francesco

Condividi
Commenta

Il Pontefice ha ricordato il dolore delle famiglie nell'epoca dei sicari della droga. Non manchino vocazioni in nessuna famiglia e comunità di Medellín!

“Cosa posso dire a un giovane che non crede in Dio? L’ultima cosa che bisogna fare è dirgli qualcosa”, ha affermato Papa Francesco nell’incontro con i sacerdoti, i religiosi, le religiose, i consacrati e le loro famiglie nel Centro La Macarena di Medellín il pomeriggio del 9 settembre.

“Inizia a fare”, ha continuato, “inizia a comportarti in modo tale che l’inquietudine che porta dentro lo renda curioso e ti chieda la tua testimonianza. Puoi iniziare a dire qualcosa. Questo esplorare la fede, esplorare la vita è così importante, ed è questa la vite a cui si riferisce Gesù”.

Nella seconda regione della Colombia, prima per vocazioni e invio di missionari dentro e fuori il Paese, Francesco ha parlato di una vocazione “nell’esperienza di Gesù che ci viene incontro, che ci anticipa e che in questo modo ci ha catturato il cuore”.

Il Pontefice ha lamentato che ci siano “vocazioni all’acqua di rose, come diceva mia nonna”, ma ha detto che a Medellín ce ne sono molte. “Altri non sanno se credere o meno”, ha proseguito, alludendo a quanti fanno volontariato “e lo portano (Dio) senza saperlo”.

Circa 12.000 persone gremivano il Centro la Macarena. Il Papa si è rivolto a loro dicendo “Care famiglie, cari ‘paisas‘!”, usando l’appellativo della zona di Antioquía.

Sicari della droga

Il Papa ha quindi ricordato i sicari della droga che hanno colpito la calma della città di Medellín e delle loro famiglie.

“I giovani sono naturalmente inquieti, un’inquietudine spesso distrutta, ingannata dai sicari della droga. Medellín mi ricorda questo: mi evoca tante giovani vite stroncate, scartate, distrutte”.

Ha quindi invitato a ricordare e a “chiedere perdono per coloro che hanno distrutto la speranza di tanti ragazzi, chiedere al Signore di convertire i loro cuori” e che “finisca questa sconfitta dell’umanità.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni