Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconArte e Viaggi
line break icon

La geografia della Passione riprodotta dai Sacri Monti sulle Alpi

Madonna del Passo ONLUS

L'Osservatore Romano - pubblicato il 18/07/17

di Antonio Paolucci

Nei secoli dell’Europa cristiana due erano i viaggi che ogni credente desiderava compiere nella vita prima di lasciare questo mondo; uno era il viaggio a Roma ad limina Petri, per pregare sulla tomba del Principe degli apostoli, l’altro era il pasagium ultramarinum, il viaggio a Gerusalemme per venerare i luoghi santi, dove si conservava memoria di vita, passione e morte di Nostro Signore.

Se il viaggio fino a Roma era relativamente tranquillo perché, procedendo da nord a sud lungo la strada o, per meglio dire, lungo il fascio di strade noto come Via Francigena, si attraversavano paesi cristiani forniti di ospizi, di ospedali, di centri di accoglienza, il pasagium ultramarinum era estremamente più difficile e pericoloso. Spesso il viaggio in Terra Santa cominciava là dove finiva il pellegrinaggio a Roma. Il punto di incontro e di raccordo per chi veniva dalla città eterna era Capua, perché da lì ci si avviava per l’Appia Traiana, la strada che attraversa l’Italia da ovest a est fino a Brindisi. Da Capua, nel cuore delle terre dominate dal potente abate di Cassino, la grande strada imperiale portava a Benevento, ed è facile immaginare lo stupore dei pellegrini di fronte all’Arco di Traiano, un’opera che riproduceva nel cuore montagnoso d’Italia i monumenti trionfali già visti fra le rovine di Roma.

Dopo Benevento la strada si divideva in tre direzioni. Sono le cosiddette “vie dell’angelo”, i percorsi che, attraverso i valichi dell’Appennino, conducono al santuario di San Michele sul Gargano. I pellegrini che si accingevano al grande viaggio penitenziale, tutti si fermavano in preghiera nella Grotta di San Michele. Fin quassù salivano prima di partire per la guerra i duchi longobardi, gli strateghi bizantini, i conti franchi, i baroni tedeschi. Tutta la cristianità sapeva che al termine d’Italia, in cima a una montagna alta sul mare come la prua di una nave gigantesca, c’era il tempio dell’angelo guerriero.
I cristiani, arrivati fin lassù da ogni parte d’Europa, avevano la sensazione che questo fosse veramente il finis Terrae. A est, oltre l’Adriatico, schiumante contro le rocce del Gargano, c’era il mondo infido dei Greci. A sud, dove li avrebbero condotti le navi ferme agli approdi di Manfredonia, di Brindisi, di Otranto, c’erano gli infedeli usurpatori dei luoghi santi. D’ora in poi solo l’angelo guerriero, che aveva sconfitto Satana e che protegge i credenti dal male sempre incombente, sarebbe stato scudo e guida nel viaggio.

  • 1
  • 2
Tags:
pellegrinaggio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni