Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 03 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: Gesù non risolve magicamente problemi, ci rende forti

© CTV / Youtube

Radio Vaticana - pubblicato il 09/07/17

Così il pontefice durante l'Angelus di oggi a Piazza San Pietro

di Giada Aquilano

Quando le cose vanno male, anche se è difficile reagire, bisogna uscire da se stessi e seguire il Signore, che ci rende forti, ci tira fuori dalle “sabbie mobili” per tendere la mano ed alzare lo sguardo verso chi ci ama davvero. Così il Papa all’Angelus in Piazza San Pietro, riflettendo sull’odierno Vangelo di Matteo in cui Gesù dice: “Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro”.

Uscire da sé “non basta”, bisogna sapere “dove” andare. È un invito ad aprire la nostra vita a Gesù quello del Papa all’Angelus, senza fermarci alle mete che, evidenzia, spesso sono “illusorie”:

“Promettono ristoro e distraggono solo un poco, assicurano pace e danno divertimento, lasciando poi nella solitudine di prima, sono “fuochi d’artificio”. Per questo Gesù indica dove andare: “Venite a me”.

Di fronte a un “peso della vita” o a una situazione che ci addolora, nota Francesco, proviamo a parlarne con qualcuno “che ci ascolti”, un amico, un esperto: è “un gran bene”, sottolinea, ma esorta non dimenticare il Signore:

“Non dimentichiamo di aprirci a Lui e di raccontargli la vita, di affidargli le persone e le situazioni. Forse ci sono delle ‘zone’ della nostra vita che mai abbiamo aperto a Lui e che sono rimaste oscure, perché non hanno mai visto la luce del Signore. Ognuno di noi ha la propria storia. E se qualcuno ha questa zona oscura, cercate Gesù, andate da un missionario della misericordia, andate da un prete, andate… Ma andate a Gesù e raccontate a Gesù quello. Oggi Egli dice a ciascuno: ‘Coraggio, non arrenderti ai pesi della vita, non chiuderti di fronte alle paure e ai peccati, ma vieni a me’”!

Il Papa riflette sul brano evangelico in cui Gesù esorta “tutti coloro che sono stanchi e oppressi dalla vita” a seguirlo, perché sa quanto la vita possa essere “pesante”, sa che molte cose “affaticano il cuore”, come delusioni, ferite, torti, ma anche incertezze e preoccupazioni. Da Gesù, aggiunge il Pontefice, viene “un invito a muoversi e reagire”:

“Lo sbaglio, quando le cose vanno male, è restare dove si è, coricato lì. Sembra evidente, ma quanto è difficile reagire e aprirsi! Non è facile. Nei momenti bui viene naturale stare con sé stessi, rimuginare su quanto è ingiusta la vita, su quanto sono ingrati gli altri e com’è cattivo il mondo e così via, noi tutti lo sappiamo. Alcune volte abbiamo subito questa brutta esperienza, ma così, chiusi dentro di noi, vediamo tutto nero. Allora si arriva persino a familiarizzare con la tristezza, che diventa di casa, quella tristezza ci prostra. Cosa brutta è questa tristezza. Gesù invece vuole tirarci fuori da queste “sabbie mobili” e perciò dice a ciascuno: ‘Vieni!’ – ‘Chi?’ – ‘Tu, tu, tu’! La via di uscita è nella relazione, nel tendere la mano e nell’alzare lo sguardo verso chi ci ama davvero”.

Il Signore, prosegue Francesco, “ci aspetta” non per risolverci “magicamente” i problemi, ma per renderci forti in essi; non ci leva i pesi dalla vita, ma “l’angoscia dal cuore”; non ci toglie la croce, ma la porta “con noi”. E con Lui ogni peso diventa “leggero”, perché Lui è il “ristoro” che cerchiamo.

“Quando nella vita entra Gesù, arriva la pace, quella che rimane anche nelle prove, nelle sofferenze. Andiamo a Gesù, diamogli il nostro tempo, incontriamolo ogni giorno nella preghiera, in un dialogo fiducioso, e personale; familiarizziamo con la sua Parola, riscopriamo senza paura il suo perdono, sfamiamoci del suo Pane di vita”.

Solo così, assicura il Papa, ci sentiremo amati e consolati:

“Impariamo ad andare da Gesù e, mentre nei mesi estivi cercheremo un po’ di riposo da ciò che affatica il corpo, non dimentichiamo di trovare il ristoro vero nel Signore”.

Dopo l’Angelus, Francesco ricorda il grande pellegrinaggio che la famiglia polacca di Radio Maria compie al Santuario di Częstochowa e invita i presenti a recitare una preghiera alla Madonna. Infine saluta, tra gli altri, i ragazzi del Coro “Puzangalan”- “Speranza” di Taiwan.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
angeluspapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni