Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconChiesa
line break icon

Nicola II Romanov, perché santo?

© Boasson and Eggler St. Petersburg Nevsky 24

Margot Vignaud - pubblicato il 21/04/17

L'ex diplomatico russo Vladimir Fedorovski ripercorre il destino dello zar di Russia assassinato dai bolscevichi

Il 15 marzo 1917, lo zar Nicola II abdicò a favore del figlio. Questa decisione scatenò la fine della dinastia Romanov e dell’impero russo. La famiglia imperiale venne massacrata qualche mese dopo in un bosco di Ekaterinburg. Cent’anni dopo la figura dello zar conosce una sorta di riabilitazione, in particolare all’interno della Chiesa ortodossa, che lo ha canonizzato nel 1981 insieme alla sua famiglia.

Vladimir Fedorovski, ex diplomatico russo e autore del Dictionnaire amoureux de Saint-Pétersbourg (Plon, 2016) e di Poutine, de A à Z [Putin dalla A alla Z] (Stock, 2017), ha analizzato la vicenda di Nicola II Romanov.

Perché Nicola II e la sua famiglia sono stati canonizzati?

Perché sono dei martiri! Quella notte i bolscevichi li hanno massacrati tutti: lo zar, la zarina, i loro figli, il medico, i domestici, perfino i cani e i gatti!

La canonizzazione di Nicola II e della sua famiglia è simbolica. Rappresentano tutti i martiri dei bolscevichi, i 25 milioni di morti imputabili a Lenin, Trotskij e Stalin. La Chiesa ortodossa russa non ha canonizzato il sovrano, lo zar, ma il credente.




Leggi anche:
Il paese turco dove San Nicola distribuì doni è meta di pellegrinaggio per fedeli russi

Alcuni ritengono che Nicola II abbia avuto una responsabilità nella vittoria del bolscevismo per via della sua debolezza…

Essere zar non era una cosa per Nicola II, che non ha mai voluto diventarlo. È stato un “errore di casting”. Per la Russia, però, è stato un errore fatale, perché è stato un autocrate. Deteneva tutti i poteri e non ha reagito in modo adeguato di fronte alla Rivoluzione di Febbraio.

Non è stato l’unico responsabile, ma il suo errore più grande è stato quello di essere un uomo di parola di fronte a Francia e Inghilterra. Per questo ha fatto entrare la Russia nella I Guerra Mondiale. E quella è stata l’origine di tutto.

Le truppe russe hanno affrontato una sconfitta dopo l’altra, l’economia era allo stremo, gli scioperi si moltiplicavano, i rifornimenti erano quasi impossibili…

A questo si aggiunse il peso delle voci. Sorsero molte invenzioni, soprattutto intorno a Rasputin, consigliere della zarina. Fu una grande manipolazione, diretta soprattutto da Lenin, per screditare lo zar Nicola II e la sua famiglia. Anche se è comunque certo che lo zar non fosse all’altezza. Era debole e impopolare.

Quali sono le conseguenze di questa abdicazione in Russia cent’anni dopo?

Molti russi condividono l’idea che lo zar Nicola sia stato sicuramente una vittima, ma che non per questo fosse un leader meno manchevole a livello di carattere.

I russi sono del tutto allergici ai leader deboli, come fu forse l’imperatore. È una cosa che fa parte dell’ideologia russa, e Putin incarna benissimo l’antitesi di questo profilo.

I russi compiono spesso il parallelismo tra Michail Gorbaciov e lo zar Nicola II: come lo zar, Gorbaciov ha rifiutato di usare la forza, di prendere decisioni, e questo ha portato all’implosione dell’Unione Sovietica.

“Mai più come nel 1917” è una consegna in Russia. Una parte dei russi, tuttavia, mantiene un’immagine più indulgente di Nicola II.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
canonizzazionecomunismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni