Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 28 Giugno |
Sant'Ireneo
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

Da “Colle dell’Inferno” a “Colle del Paradiso”: la Basilica di San Francesco, ad Assisi

WEB-Basilica of Saint Francis-Assisi-Italy-shutterstock_314800343-canadastock-AI

Daniel R. Esparza - Aleteia - pubblicato il 10/04/17

La Basilica Papale di San Francesco d'Assisi si trova in cima ad una collina dal passato tetro

La Basilica Papale di San Francesco d’Assisi è uno dei luoghi di pellegrinaggio più importanti del Cristianesimo. Almeno in Italia. Vi si trova una vasta collezione di affreschi tardo-medievali realizzati da maestri della scuola romana e di quella toscana (tra cui Cimabue, Giotto e Lorenzetti, tra gli altri). E, naturalmente, la tomba di San Francesco, nella cripta, rimasta nascosta dalla morte del santo fino al 1818. Frate Elia De Cortona, uno dei seguaci di Francesco e Vicario Generale dell’Ordine sotto lo stesso San Francesco, decise di nascondere le spoglie del santo per evitare che le sue reliquie fossero diffuse in tutta Europa.

In realtà frate Elia fu incaricato di sovrintendere alla costruzione, e progettò anche parte di quella che è nota come “Basilica Inferiore”. Sembra che frate Elia abbia imparato molto sull’architettura e sulla costruzione scavando e costruendo sepolcri dalla roccia, quando era eremita in Siria. E sebbene l’architetto di entrambi i livelli della chiesa (la Basilica Superiore e quella Inferiore) sia stato Jacopo Tedesco, sembra che lui abbia semplicemente seguito il piano originale di Frate Elia, in stile romanico. Una serie di aggiunte posteriori avrebbero trasformato la chiesa in un’eccezionale sintesi di stile gotico e romanico.

San Francesco morì ad Assisi il 3 ottobre 1226 e fu canonizzato da Papa Gregorio IX solo due anni dopo, il 16 luglio 1228. La costruzione del convento francescano (noto come Sacro Convento) e della Basilica Superiore e di quella Inferiore iniziò subito dopo la canonizzazione, grazie al contributo dei tanti benefattori su cui già poteva contare l’Ordine francescano.

Uno di questi benefattori, Simone Di Puciarello, donò il terreno in cui sarebbe dovuta essere costruita la chiesa. Diede ai frati una collina sul lato ovest di Assisi, popolarmente nota come “Colle D’Inferno”. Era il luogo in cui comunemente venivano giustiziati i criminali. Quando la costruzione fu terminata, alla collina fu dato un nome più rassicurante. Grazie al Poverello, da allora è nota come “il Colle del Paradiso”.

Se vuoi sapere di più sulla Basilica Papale di San Francesco d’Assisi, clicca sulla cartolina qui sotto.

basilica san francesco assisi

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
assisisan francesco d'assisi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni