Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconStile di vita
line break icon

Come fare perché gli altri non parlino male di me?

© SHUTTERSTOCK

Sergio Argüello Vences - pubblicato il 30/03/17

Gesù ha perdonato i suoi aggressori. Per favore, non serbate rancore

Giorni fa è venuta a parlare con me la signora Blanca. È molto allegra, ha sempre il sorriso sul volto, oltre a uno o più nipoti aggrappati ai suoi vestiti. Mi sta molto simpatica, non solo perché di tanto in tanto mi regala qualche dolce, ma anche perché è molto attaccata alla chiesa ed è una grande promotrice della recita del Santo Rosario.

Quando l’ho vista venire da me, però, sapevo che aveva bisogno di qualcosa. Non aveva né sorriso né nipoti, e mi ha detto: “Padre, ha un po’ di tempo per parlare?”

“Certo, figlia mia, mi dica”.

“Non so come fare perché non parlino male di me. Ultimamente la gente ha detto molte cose false sul mio conto, quando non è sul lavoro sono le mie nuore o i miei vicini… Sei mesi fa al lavoro si sono inventati che stavo rubando del denaro e mi hanno cambiato settore. Almeno non mi hanno mandata via! La settimana scorsa una vicina ha superato il limite arrivando a dire che avevo una storia con suo marito…”

Essendo sacerdote, mi rendo conto che c’è molta sofferenza a causa delle persone che parlano male delle altre o inventano pettegolezzi malvagi e malintenzionati. Onestamente non riesco a capire come sia possibile che tra noi ci siano persone che augurano il male al prossimo. Preferisco consolarmi pensando che non si rendano conto del male che fanno.

Dopo aver ascoltato la disperazione della signora Blanca perché non poteva farci praticamente niente le ho detto: “Figliola, mi dispiace molto per quello che ha passato e mi rattrista molto sapere che non abbiamo imparato che la lingua uccide. Gesù è morto per la stessa cosa. È morto perché varie persone hanno gettato semi di malvagità intorno a Lui”.

“Ha ragione, padre, il nostro Dio ha sofferto nella propria carne il disprezzo e le cattive intenzioni delle persone malvagie”.

“La invito a pensare a Gesù in agonia sulla croce, a vederlo soffrire per qualcosa che non aveva commesso, a pensare come anche Lui sia stato accusato ingiustamente di blasfemia, pur essendo Dio in persona. Soprattutto, veda la sua umiltà e il suo affetto. Ricorda le parole di Gesù sulla croce?”

“Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno”.

“Esatto, figliola, impari da Lui, che ha perdonato i suoi aggressori. Per favore, non serbi alcun rancore e non permetta che la gioia nel suo cuore si spenga o che la sua vita cambi per quello che dicono gli altri. Lei e Cristo conoscete la verità. Chieda la sua forza in questi momenti, e ricordi che con Dio tutto è più
facile”.

Dopo avermi ringraziato, la signora Blanca se n’è andata tranquilla e io ho sentito la necessità di andare a far visita al Signore nel tabernacolo. Mi sono inginocchiato davanti a lui e gli ho chiesto di venire nel cuore di tutte le persone che non si rendono conto del danno che fanno con le loro parole: “Tu che tutto puoi, insegnaci a seminare amore e buona volontà con le nostre parole e le nostre azioni per vivere in pace”.

E lì, in ginocchio, ho sentito come mi rispondeva il mio buon Gesù: “Tranquillo, cerco tutti i giorni di asciugare ogni lacrima e di dare forza a chi soffre a causa di ingiurie e parole malintenzionate; sono anche molto vicino a chi offende con la propria bocca perché si renda conto che può cambiare. Ma vi chiedo di essere pazienti, i miei tempi sono diversi ma perfetti, e alla fine tutti cambieranno…”

Sorelle e fratelli, vi racconto questo aneddoto perché anche voi avete sofferto e state soffrendo per le calunnie. Imparate da Cristo sulla croce, Egli sarà la vostra forza e la vostra consolazione. Lasciate tutto nelle mani di Dio e andrà tutto bene. Confidate in questa promessa?

Padre Sergio

Articolo pubblicato originariamente sulla pagina web http://www.padresergio.org

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
gossip
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni