Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La preghiera segreta di un vescovo per chiedere scusa per gli scandali della Chiesa

Condividi

"Perché in realtà siamo imperdonabili, per questo abbiamo così tanta difficoltà a chiedere scusa alle nostre vittime". Di fronte ai casi di pedofilia e abusi sessuali che portano scandalo nella Chiesa, la preghiera è fondamentale. Non la dobbiamo dimenticare. Così come è necessario prendere adeguati provvedimenti.

Nota della redazione: questa preghiera, che ci è stata affidata in segreto, vuole trasmettere fedelmente gli stati d’animo di un uomo di Dio che ha umilmente posto nelle mani del Signore un problema che supera la comprensione umana. Con lucidità, fiducia e speranza.

Dio, Padre nostro,
dalle profondità dell’inganno in cui siamo caduti, gridiamo a Te!
Non abbandonare noi, il tuo clero, in questa prova.
Ti preghiamo per questo, dicci come potremmo essere perdonati
e recuperare la pace del cuore, la fiducia del mondo.

Non osiamo chiedere scusa a tutte le persone umiliate, a tutti i bambini,
i tuoi amati bambini, che troppo spesso sono stati oltraggiati
dalla nostra debolezza alle tentazioni del potere, del denaro e del sesso.
E dire che ci hai consacrato per guidarli e santificarli!

Non osiamo chiedere perdono al gregge che Tu hai affidato a noi
affinché lo elevassimo verso ciò che è bello, ciò che è buono e ciò che è vero,
li abbiamo dati nelle mani perverse di lupi voraci,
quando non eravamo noi stessi a disperdere il ​​peggio.

Non osiamo chiedere scusa alle nostre vittime.
Non solo ai bambini, ma anche agli innumerevoli adulti
che sono stati manipolati spiritualmente (nel Tuo Nome!)
per saziare anche le concupiscenze più vili.

Signore, Tu che sei tre volte Santo, puoi comprenderlo?
Dopo che, col Tuo Nome sulle nostre labbra, abbiamo approfittato e tradito
questi uomini e donne di buona volontà che hanno messo la loro fiducia in noi,
che credibilità avremmo se chiedessimo perdono?

Sì, Padre Santissimo, invece di servire i fedeli della tua Chiesa,
Ci comportiamo con loro come i dignitari di partito
Che cercano di rimanere al potere a tutti i costi
e che, costi quel che costi, si proteggono a vicenda.
Così, Signore, Dio della mia salvezza, comprendi il nostro problema:
perché in realtà siamo imperdonabili,
per questo abbiamo così tanta difficoltà a chiedere scusa alle nostre vittime.

Ma, Dio di Misericordia, Tu hai promesso di perdonarci
come noi perdoniamo chi ci ha fatto del male.
Pietà, Signore, Padre di bontà infinita:
Da chi andremo per trovare perdono e pace,
se non da Te, che hai inviato lo Spirito Santo per la remissione dei peccati?
Confido, Signore, confido, che solo in Te è la nostra redenzione.

Sì, Padre, non siamo più degno di essere chiamati Tuoi ministri,
ma tramite Gesù, Tuo Figlio, nostro Salvatore, ti chiediamo di ascoltare la nostra preghiera:

Per Lui, che ha definitivamente vinto il peccato: salvaci!
Per Lui, che ha annunciato il Vangelo: convertici!
Per Lui, che ha riconciliato l’umanità a Te: perdonaci!
Per Lui, che ci ha mandati a servire in Tuo Nome:
fa che la nostra conversione porti un frutto degno del nostro pentimento.

Così sia.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni